ore:  12:57 | Vento, codice giallo in Toscana fino a domani 26 febbraio

ore:  13:23 | Codice giallo per ghiaccio e neve fino a martedì 11 gennaio

ore:  16:34 | Allerta meteo, lunedì 10 gennaio codice giallo per neve e vento

ore:  13:45 | AGGIORNAMENTO – allerta Gialla per Rischio idrogeologico idraulico reticolo minore e temporali forti, attualmente in corso fino alle ore 22:00 di Mercoledì 05 Gennaio 2022.

ore:  12:48 | Allerta Gialla per Rischio idrogeologico idraulico reticolo minore e temporali forti, a partire dalle ore 10:00 fino alle ore 18:00 di Mercoledì 05 Gennaio 2022.

martedì, 1 dicembre, 2009

https://www.antenna3.tv/2009/12/01/lanmarco-laquidaraper-una-volta-comportiamoci-da-%e2%80%a6-massesi/

Mediavideo Antenna3

Lanmarco Laquidara:”Per una volta comportiamoci da … massesi”

Per una volta comportiamoci da … massesi

 

Una ventina di anni fa un amico di Massa, politico di grande livello, mi spiegava così il motivo per cui i cugini d’oltre Foce erano stati in grado di difendere le loro prerogative e la loro dignità mentre Carrara cominciava, già a quel tempo, ad impoverirsi ogni giorno di più: “Noi massesi siamo prima di Massa e poi della DC o del PCI mentre voi siete prima comunisti o democristiani e poi, ma solo poi, carrarini”. Credo che in questa frase ci sia tutta la storia dei presìdi, degli enti, delle sedi istituzionali e degli altri centri di richiamo, pubblici e privati,  che a poco a poco hanno preso il volo dalla nostra città per sistemarsi altrove.

A Carrara comunque qualcosa ancora rimane, e tra queste cose c’è una delle più importanti e rinomate, almeno per quanto riguarda la scultura, Accademie di Belle Arti italiane. Sembra che però anche la presenza di questo istituto venga messa in discussione, almeno in prospettiva, dalle manovre occulte che si stanno realizzando dietro il progetto di creare a Pietrasanta una succursale della stessa Accademia.

Oltre ad un corso specialistico post-diploma, voluto anche dal Ministero e in qualche modo accettato, con i dovuti distinguo, un po’ da tutti infatti sembra che nei fatti si stessero  creando i presupposti per poter trasferire nel tempo l’intera Accademia. La nascita di una Fondazione di cui solo pochi giorni fa si è conosciuto lo statuto infatti rimane una vicenda oscura e piena di sottintesi, che le forze politiche della nostra città devono affrontare unite e senza tentennamenti. L’Accademia di Belle Arti di Carrara deve restare a Carrara, e succursali della stessa possono nascere soltanto con la piena condivisione della Presidenza, di tutte le forze politiche locali e dello stesso ministero, che negli ultimi tempi è stato tenuto all’oscuro di troppe cose e posto poi di fronte ad un fatto quasi compiuto, sventato solo dall’accortezza di chi dopo averne rilevato la presidenza  ha voluto vederci più chiaro senza accettare la pappa fatta e le argomentazioni strumentali attraverso le quali era stato nascosto  quanto stava avvenendo.

Negli ultimi giorni ci hanno colpito in modo molto favorevole le reazioni di diversi esponenti anche della maggioranza, che ringraziamo per aver compreso la reale portata della vicenda. Ora però occorre insistere compatti nella difesa di una risorsa culturale di grande prestigio come l’Accademia di Belle Arti, la cui presenza in città ha naturalmente anche importanti risvolti economici. Per questo rivolgo un appello a tutte le forze politiche a rimanere unite nella difesa di questo presidio. Questa è una battaglia molto importante che si può vincere solo restando uniti. Se ci riusciremo il merito non sarà del PDL o del PD ma di tutti i partiti e degli stessi cittadini che saranno disponibili a combatterla. Per una volta infatti possiamo dimostrare che quella acquiescenza agli eventi che ha trasformato la città in un luogo destinato a scomparire nell’abbandono si può ribaltare.  E’ forse una delle ultime occasioni per dimostrare il nostro orgoglio di carrarini. Proviamo una volta tanto a comportarci da … massesi. E al di là della battuta comportiamoci da uomini.  Se ce la faremo nessuno, né a Firenze né a Roma, potrà più trattarci come è accaduto fino ad ora.

 

                                                              Lanmarco Laquidara

ore: 18:28 |  TrackBack URL |  RSS feed commenti

comments powered by Disqus