Solidarietà, cultura, aggregazione sociale e attività all’aria aperta. È il mix d’ingredienti di «Sconfinando», la passeggiata a scopo benefico destinata a raccogliere fondi per la Pubblica Assistenza.

L’evento, giunto alla terza edizione, è in programma domenica 7 aprile e quest’anno prevede un tragitto che attraverserà il territorio apuano percorrendo la costa. Una camminata di 25 km con partenza da Massa in piazza Aranci alle 8.00 e arrivo alle 17.00 a Sorgnano, passando per il lungofrigido, il lungomare e il parco Padula.

Sarà un’occasione per apprezzare il fascino della nostra provincia, riscoprendo anche gli antichi sapori della cucina locale, da gustare tappa per tappa (dai bomboloni ai taglierini nei fagioli per finire con i mitici «cazzalà»). L’appuntamento come sempre è aperto a tutti, non ci sono limiti di età, anche perché i pulmini della Pubblica Assistenza saranno a disposizione di chi ha bisogno di supporto per alcuni tratti del percorso. L’obiettivo è quello di sfondare la quota di 300 partecipanti, già raggiunta nel 2023.  

«Il senso dell’iniziativa – spiega Michele Petri del comitato organizzatore – è quello di far conoscere gli scorci del nostro territorio nell’ambito di un evento che unisce più generazioni. Due anni fa abbiamo attraversato le colline del Candia, l’anno scorso la montagna da Bergiola Maggiore a Bergiola Foscalina e questa sarà la volta del litorale».

Ad accompagnare la comitiva ci saranno due camminatori d’eccezione: gli esperti di storia locale, Daniele Canali e Pietro Di Pierro, da sempre divulgatori di fatti e curiosità che hanno segnato il glorioso passato della terra apuana.

«Questa manifestazione – spiega il presidente della Pubblica Assistenza, Fabrizio Giromella – è anche un segnale di coesione per le città di Massa e Carrara, un modo per superare il campanilismo e aprire al dialogo di cui c’è bisogno per condividere prospettive comuni. Non a caso le associazioni che collaborano per la riuscita dell’evento sono sempre di più, lo scopo è quello di fare squadra nell’interesse della nostra comunità».

Il numero di partnership in effetti è in crescita: «Siamo orgogliosi di affiancare la Pubblica Assistenza – ha detto Antonella Carusi di Avis – e l’idea è quella di sviluppare questo progetto per farlo diventare un appuntamento fisso, una tradizione per il territorio».

Il costo dell’iscrizione – da effettuare entro il 5 aprile presso le sedi della Pubblica Assistenza e altri esercizi convenzionati – è di 20 euro (15,00 per i ragazzi fino a 15 anni): in omaggio per ogni camminatore la t-shirt ufficiale dell’evento e l’asciugamano di Avis. Il ricavato sarà interamente devoluto alle attrezzature di automediche e ambulanze, alla formazione dei volontari, alle altre attività dell’associazione. Info e contatti: 335.5299809.

In caso di pioggia, la giornata di trekking sarà rinviata alla domenica successiva del 14 aprile.  

Ecco gli altri promotori dell’iniziativa: Cai Massa e Cai Carrara, Panathlon, Nausicaa, Unicoop Tirreno, associazione “Salviamo il castello di Moneta”, Cral Nuovo Pignone, Cral Gaia, libreria Bajni e le Proloco di Fossola, Gragnana, Avenza, Fontia e Rocca Malaspina.