ore:  10:55 | allerta codice giallo per rischio idrogeologico idraulico reticolo minore e temporali forti dalle ore 22.00 di Giovedì 15 Ottobre alle ore 10.00 di Venerdì 16 Ottobre 2020

ore:  12:40 | allerta codice giallo per rischio idrogeologico idraulico reticolo minore dalle ore 18.00 di Mercoledì 14 Ottobre alle ore 13.00 di Giovedì 15 Ottobre 2020

ore:  14:14 | Esteso a domani allerta meteo di codice ‘giallo’. Attesi anche forti venti nell’area fiorentina

ore:  13:40 | allerta colore giallo per rischio idrogeologicoidraulico- temporali forti -mareggiate e vento a partire dalle ore 20.00 Martedì, 06 Ottobre alle ore 12.00 Mercoledì, 07 Ottobre 2020

ore:  14:05 | ALLERTA ARANCIONE DALLE 18 D OGGI ALLE 6 DI DOMATTINA LUNEDI 5 OTTOBRE

sabato, 26 settembre, 2020

http://www.antenna3.tv/2020/09/26/confartigianato-smart-working-enti-pubblici-che-odissea-tantissimi-disagi-uffici-aperti-a-singhiozzo-telefoni-che-squillano-a-vuoto-cosi-non-si-puo-andare-avanti/

Mediavideo Antenna3

CONFARTIGIANATO – “SMART WORKING ENTI PUBBLICI, CHE ODISSEA!. “Tantissimi disagi. Uffici aperti a singhiozzo, telefoni che squillano a vuoto. Così non si può andare avanti”

di  Redazione web

“Smart working? Qui di ‘agile’ non c’è proprio nulla! Ormai prendere contatto con gli uffici pubblici è diventato un lavoro a tempo pieno per cittadini e imprenditori e tutti gli appelli a una presa di coscienza da parte della pubblica amministrazione sono rimasti lettera morta”. Non le manda a dire il direttore di Confartigianato Massa Carrara, Gabriele Mascardi,  che già in estate aveva contestato a nome dell’associazione di categoria e delle imprese associate la proroga concessa dalla legge per lo smart working per il 50%, dei dipendenti pubblici fino alla fine del 2020. E i risultati si vedono, purtroppo: “I nostri stessi uffici hanno riscontrato notevoli disagi presso i vari enti locali – attacca Mascardi -. Lunghe code di attesa all’ingresso dei Comuni di Massa e Carrara: gli uffici dell’ urbanistica non ricevono nemmeno per un semplice consulto e fissano appuntamento a 3 o 4 giorni; gli uffici Inps non sono raggiungibili direttamente telefonicamente ma solo tramite il numero verde di  un call center che quando si è fortunati fissa un appuntamento entro 4 o 5 giorni. Gli uffici Inail sono chiusi al pubblico ed è pressoché impossibile parlare con il centralino: quando ci riesci chiedono di mandare via mail le varie richieste. Il catasto è chiuso al pubblico dal 20 aprile, i tecnici lavorano da casa con i numeri degli uffici deviati sui loro cellulari. Un appuntamento è possibile solo per casi strettamente urgenti. Idem per l’ispettorato del lavoro. Gli uffici della motorizzazione, anch’essi quasi irraggiungibili telefonicamente, stanno posticipando di mesi le revisioni e soprattutto le nuove immatricolazioni, bloccando il mercato dei motori. Gli uffici della Camera di Commercio, spesso deserti,  ricevono solo su appuntamento. E le imprese soffocano”. Cittadini e imprenditori fanno i conti con un sistema pubblico ‘privilegiato’, che può vivere ‘agilmente’ nello smart working mentre il privato è già da un pezzo che è tornato a muoversi in presenza. “Tutti gli imprenditori, dagli artigiani ai commercianti, dai professionisti ai coltivatori sono tornati operativi nonostante le difficoltà post emergenza sanitaria – prosegue il direttore di Confartigianato -. Il lockdown è finito da mesi per tutte le categorie, ormai anche per gli studenti. Ma non per i servizi pubblici fondamentali per l’economia del Paese. Sono tantissimi i disagi: uffici aperti a singhiozzo, connessioni che saltano, telefoni che squillano a vuoto. Quanto sopra si traduce in ritardi e attese lunghissime anche per semplici documenti. Due pesi e due misure fra privato e pubblico che non è possibile accettare. E oltre al danno la beffa: dal 2021 lo smart working coinvolgerà, per legge addirittura il 60% dei lavoratori pubblici – conclude Mascardi -. Un’assurdità  incompatibile con le necessità ed esigenze quotidiane dei privati cittadini, imprenditori e professionisti che invece hanno bisogno che la pubblica amministrazione torni a pieno regime offrendo i suoi servizi in presenza. subito che la P.A. ritorni a pieno regime con la riattivazione di tutti gli uffici pubblici che erogano i servizi e con la presenza fisica di tutti i lavoratori pubblici così come è già e avvenuto nel privato”.

Confartigianato Massa Carrara

ore: 9:47 | 

comments powered by Disqus