ore:  14:01 | Ghiaccio, codice arancione per lunedì 15 febbraio su quasi tutta la Toscana

ore:  11:28 | Emessa allerta codice Giallo per Rischio Ghiaccio, dalle ore 20:00, di Sabato 13 Febbraio 2021, fino alle ore 12:00 e dalle ore 18:00 fino alle ore 23:59 di Domenica 14 Febbraio 2021

ore:  12:12 | allerta Gialla per Rischio Idrogeologico reticolo minore dalle ore 17:00 di Sabato 30 Gennaio, fino alle ore 02:00, di Domenica 31 Gennaio 2021;

ore:  12:38 | allerta Arancione per Ghiaccio dalle ore 18:00 di Lunedì 25 Gennaio 2021, fino alle ore 12:00, di Martedì 26 Gennaio 2021

ore:  12:48 | allerta Arancione per Mareggiate attualmente in corso fino alle ore 23:59 di Sabato 23 Gennaio 2021;Allerta gialla per rischio Idrogeologico reticolo minore, mareggiate e vento fino alle ore alle 23:59 Di Domenica 24 Gennaio 2021.

venerdì, 25 settembre, 2020

http://www.antenna3.tv/2020/09/25/scuola-cronaca-di-un-disastro-annunciato-domani-in-unita-al-gruppo-a-roma-per-la-manifestazione-nazionale-priorita-alla-scuola/

Mediavideo Antenna3

SCUOLA – Cronaca di un disastro annunciato. Domani in unità al gruppo a Roma per la manifestazione nazionale Priorità alla scuola,

di  Redazione web

Perché quest’anno, l’anno del covid, durante il quale la scuola assume caratteristiche di “stress test” e di conseguenza necessita di urgenti e peculiari accorgimenti, dall’alto si è deciso che il normale sistema di assegnazioni cattedre andasse rivoluzionato.

Il docente precario, staccata la spina del proprio pc a fine scuola,  quando la cattedra era un monitor,  affronta la carrellata di domande per i concorsi ordinari e straordinari …una follia su follia, una corsa folle in tempi folli.. ancora in piena pandemia..

Non soffermiamoci sulle numerose storture delle nuove Graduatorie Provinciali con diverse tabelle di attribuzione punteggi rispetto al passato, a causa delle quali molti precari storici si sono visti decurtare decine di punti e di conseguenza perdere molte possibilità di cattedra:  il momento impone un’attenzione sulla drammatica situazione attuale di classi senza insegnanti e insegnanti senza classi.

Quest’anno a luglio il Ministero comunica agli Usp che dovranno formare ex novo le graduatorie docenti delegando ai loro uffici tutte le procedure: dal 7 agosto al 31 agosto dovranno vagliare, processare e validare migliaia di domande inviate dai docenti.

 Docenti che hanno avuto il periodo intercorrente dal 15 luglio al 6 agosto per districarsi in una giungla di norme con nuove tabelle e confrontarsi con una piattaforma che spesso non sosteneva il carico di contatti e in più aggiornata e modificata più volte in itinere. Inevitabili gli errori di compilazione.

E’ evidente che l’impresa di avere il primo settembre graduatorie corrette e trasparenti sia titanica e pressoché impossibile, ma tant’è non si può obiettare nulla al nostro ministro dell’Istruzione come, ahimè, le stesse sigle sindacali avevano già appurato nei tentativi di mediazione.

Si è dunque andati avanti con ostinazione ed oggi ci troviamo di fronte a un disastro nazionale: sono state definite graduatorie “pazze” ma dietro quei punteggi ci sono insegnanti con la loro dignità ed il diritto al lavoro negato.

La situazione degli Usp è caotica: graduatorie uscite , ritirate, corrette, ricorrette. Nomine fatte con l’urgenza e poi annullate perché non conformi.

Insegnanti disorientati e impossibilitati ad avere una minima prospettiva di cosa capiterà loro.

E i ragazzi?… i ragazzi dopo tanta attesa per la riaperture delle scuole si ritrovano con orari ridotti, didattica integrata e senza insegnanti in molte materie.

Nella nostra realtà,  ad esempio, i docenti di lettere inizieranno, forse, ad ottobre inoltrato, con buona pace del programma che ormai sembra essere divenuto l’ultimo degli impegni.

E il sostegno? A situazioni delicate a cui deve essere dedicato un supporto didattico educativo speciale e individuale, non improvvisato, che dovrebbe essere il frutto di una sinergia tra famiglia e scuola quando si darà risposta? Ancora vuote troppe cattedre … se ne parlerà alle incrociate, graduatorie di istituto con candidati a pari punteggio estratti in modo trasversale tra le discipline, forse a metà ottobre la cattedra finalmente cambierà prospettiva …

Ma allora non era meglio una ponderata e saggia scelta di inizio scuola posticipata? Si sa da sempre che la gatta frettolosa fece i gattini ciechi … oggi questa ha partorito una scuola senza docenti…

E domani di nuovo in piazza! A Roma e non solo… Siamo sempre docenti in Equilibrio Precario

ore: 12:44 | 

comments powered by Disqus