ore:  13:02 | Maltempo, codice giallo per temporali forti fino alle 20 di oggi

ore:  11:34 | ALLERTA maltempo elevata ad ARANCIONE dalle 18 di oggi alle 13 di domani, domenica

ore:  12:04 | allerta colore giallo per rischio idrogeologico e temporali forti dalle ore 06.00 Venerdì, 24 Luglio 2020 alle ore 20.00 Venerdì, 24 Luglio 2020

ore:  12:58 | Codice giallo per rischio idrogeologico-idraulico e temporali forti fino alle ore 20 di oggi domenica 21 giugno su tutto il territorio toscano

ore:  16:12 | Rete oncologica regionale, approvate le nuove Linee di indirizzo

sabato, 12 settembre, 2020

http://www.antenna3.tv/2020/09/12/forza-italia-il-degrado-della-piscina-comunale-omissioni-ed-ipocrisia-del-pd-massese/

Mediavideo Antenna3

FORZA ITALIA – Il degrado della Piscina Comunale: omissioni ed ipocrisia del PD massese

di  Redazione web

Il degrado della piscina Comunale di Massa – uno dei gioielli del nostro patrimonio cittadino – rappresenta uno dei tanti scempi amministrativi che il PD e la sinistra intera hanno lasciato in eredità alla nostra intera comunità massese. Soprattutto a chi era solito andarci e ai dipendenti rimasti senza lavoro.

Senza alcuna vergogna e con immensa ipocrisia, proprio il PD si lamenta dell’attuale mancata riapertura facendo finta di non sapere che ciò è dovuto alle condizioni disastrate nelle quali la piscina è stata restituita alla città dall’ultimo gestore, al quale proprio la loro Giunta PD l’aveva affidata: la Sport Management.

A coloro che tentano di scaricare l’attuale degrado della piscina chiusa sulla nostra amministrazione di centro destra, chiedo provocatoriamente:

E’ vero quanto riportato sul sito MAPEI che nel 2012, tramite progetto dell’Ing. Biancolini e della ditta Edilrestauri, l’amministrazione comunista che allora la faceva da padrona ha proceduto alla “impermeabilizzazione e posa di ceramica” per il rifacimento della piscina di Massa?

E’ vero che poi nel 2014-2015, prima di affidare la piscina alla Sport Management il PD aveva speso 1,8 milioni di euro appaltando il rifacimento delle vasche e altro tramite contratto pubblico n.85 del 28-7-2014 pubblicato in Gazzetta Ufficiale, perché i lavori precedentemente effettuati erano risultati insoddisfacenti, ammettendo quindi che per il primo intervento erano stati buttati i soldi dei cittadini? E’ vero che il 2 Aprile 2015, la giunta PD ed i suoi dirigenti hanno affidato alla Sport Management un complesso natatorio PERFETTAMENTE FUNZIONANTE sia per quanto concerneva la piscina esterna che interna? E’ vero che nel bando di gara di affidamento all’articolo 12 lettera D si faceva obbligo per l’aggiudicatario di “riparazioni e sostituzioni di parti accessorie di tutte le apparecchiature e TUBAZIONI conseguenza dell’uso”?

E’ vero che nel bando di aggiudicazione all’art.13 era previsto che “l’aggiudicatario dovrà dare immediata comunicazione al Comune di ogni danno riscontrato nel corso della gestione, descrivendone le caratteristiche ed i provvedimenti eventualmente presi per la riparazione?”

E’ vero che il PD, tramite il Dirigente dell’Ufficio Lavori Pubblici, avrebbe dovuto adempiere al CONTROLLO DI GESTIONE previsto dall’art. 17 del bando di affidamento anche tramite ispezioni semestrali?

 

Ma i dubbi non finiscono qui. E’ vero che il PD e la sua amministrazione hanno affidato in gestione la Piscina Comunale dal valore di svariati milioni di euro chiedendo una CAUZIONE DI SOLI 800 euro?! Ed è vero che al 1 maggio 2019, giorno della scadenza del contratto della Sport Management, i Dirigenti di settore lasciatici in eredità dal PD hanno prorogato la gestione alla Sport Management? Ed in quel momento la piscina esterna era già inutilizzabile? E’ vero che invece l’ ultima proroga in favore della Sport Management (gennaio 2020) è stata reiterata e sollecitata dai dirigenti nonostante già si sapesse che la piscina esterna era vuota ed inutilizzabile? Ed è vero che nella stessa proroga, con la Determinazione Dirigenziale n.265 del 10 Febbraio 2020 vengono accollate al Comune di Massa le spese delle utenze di Luce e Gas dell’impianto natatorio?

 

Ma la cosa che a noi di Forza Italia crea maggior sconcerto è non esser riusciti a capire dai dirigenti di settore a quando risale la rottura di 2 su 4 tubazioni che riempivano la piscina esterna. Da allora, rimasta vuota e senz’acqua, le mattonelle hanno iniziato a rompersi ( cosa prevedibile per chiunque avesse un minimo di conoscenza sulle piscine) creando anche le perdite di acqua stessa. Ed a proposito di perdite, sappiamo che la Sport Management si è accorta della rottura delle tubature di riempimento, presumibilmente dopo aver ricevuto una bolletta stratosferica da Gaia spa. Bolletta che Gaia ha verosimilmente stornato loro causa ‘perdita occulta’ per poi distribuirne i costi sulla nostra comunità. Di che importo parliamo? Quanti milioni di metri cubi d’acqua sono andati dispersi a scapito delle tasche dei cittadini ignari?

 

Abbiamo davvero necessità di un intervento della Corte dei Conti per certificare i disastri che il PD continua a perpetrare tramite la propria ‘longa manus’ tentando subdolamente ed ipocritamente di ribaltarne le responsabilità?

Il Coordinamento Comunale di Forza Italia Massa, sull’argomento piscina comunale, ha come sempre messo in campo le proprie competenze. Stefano Benedetti ha accompagnato la nostra delegazione all’accesso ispettivo all’impianto natatorio già nel mese di febbraio 2020. Ha evidenziato pubblicamente una gestione che non ha trovato pienamente soddisfatto il nostro partito sia dal punto di vista di alcuni servizi erogati all’utenza, sia per la manutenzione ordinaria.
Era già emerso che le docce da mesi/anni spesso erogavano spesso acqua fredda.
Abbiamo visto e fotografato i soffitti ammuffiti ed ammalorati, alcune parti elettriche negli spogliatoi ad altezze da verificare.
Abbiamo riscontrato orari di apertura chiusura che secondo noi non erano conformi a quanto scritto nel bando che si sono aggiudicati nel 2015.
Abbiamo rilevato una carente illuminazione esterna all’impianto e che la pulizia intorno allo stabile lasciava molto a desiderare; una mancato decoro che tra la casetta di guardianaggio e la piscina esterna rasentava una vera indecenza. La piscina esterna, seppur chiusa, è accessibile da chiunque ed è pericoloso.

Certo è che i cittadini massesi dal 2011 al 2015 ad oggi hanno visto spendere dalla sinistra e PD milioni di euro per la piscina che, ad oggi, è stata restituita alla nostra collettività in uno stato di incuria e totale degrado. Per questo, anziché fare ipocritamente gli scandalizzati e puntare il dito contro la nostra nuova amministrazione dovrebbero guardarsi allo specchio: fare autocritica e chiedere scusa alla collettività per gli sperperi ed i disastri lasciati da loro in eredità.

Il Coordinatore Comunale di Forza Italia
Domenico Piedimonte

 

ore: 15:43 | 

comments powered by Disqus