ore:  10:55 | allerta codice giallo per rischio idrogeologico idraulico reticolo minore e temporali forti dalle ore 22.00 di Giovedì 15 Ottobre alle ore 10.00 di Venerdì 16 Ottobre 2020

ore:  12:40 | allerta codice giallo per rischio idrogeologico idraulico reticolo minore dalle ore 18.00 di Mercoledì 14 Ottobre alle ore 13.00 di Giovedì 15 Ottobre 2020

ore:  14:14 | Esteso a domani allerta meteo di codice ‘giallo’. Attesi anche forti venti nell’area fiorentina

ore:  13:40 | allerta colore giallo per rischio idrogeologicoidraulico- temporali forti -mareggiate e vento a partire dalle ore 20.00 Martedì, 06 Ottobre alle ore 12.00 Mercoledì, 07 Ottobre 2020

ore:  14:05 | ALLERTA ARANCIONE DALLE 18 D OGGI ALLE 6 DI DOMATTINA LUNEDI 5 OTTOBRE

venerdì, 10 luglio, 2020

http://www.antenna3.tv/2020/07/10/decreto-semplificazioni-una-sola-intesa-possibile-serve-meno-burocrazia-per-salvare-le-imprese/

Mediavideo Antenna3

“DECRETO SEMPLIFICAZIONI, UNA SOLA INTESA POSSIBILE SERVE MENO BUROCRAZIA PER SALVARE LE IMPRESE”

di  Redazione web

La posizione della dirigenza della Confartigianato apuana. Il presidente Chericoni: “L’analisi dei dati Istat mostra un crollo dell’occupazione e un pericoloso calo delle aziende artigiane”

“Un Decreto Semplificazioni presentato con la formula ‘salvo intese’ ci lascia oggettivamente perplessi. Perché in politica l’intesa è tutto e niente. E così aspettiamo le intese prima di conoscere quali saranno le effettive misure per il rilancio del paese, per la tanto attesa ‘fase 2’ dell’emergenza Covid19. A oggi, com’era prevedibile, lo scenario è preoccupante per la nostra economia, addirittura apocalittico dal punto di vista occupazionale”. A sostenerlo è la dirigenza di Confartigianato Massa Carrara. A entrare nel merito dei numeri è il presidente Sergio Chericoni: “L’analisi degli ultimi dati dell’Istat rivela una marcata diminuzione dell’occupazione, gli effetti dei due mesi di lockdown sono pesanti come macigni. Tra febbraio e aprile gli occupati sono scesi ad un ritmo di 6.523 occupati in meno al giorno. Mentre tiene il lavoro dipendente permanente (-29 mila unità, pari al -0,2%) grazie ad ammortizzatori sociali e divieto di licenziamento, nei due mesi in esame il lavoro dipendente a termine perde 272mila occupati. Pesanti effetti anche sul lavoro indipendente che perde quasi centomila occupati (-97 mila, pari al -1,8%), dinamica sui cui influisce anche la forte riduzione delle nuove imprese”. Crolla il lavoro e barcolla pericolosamente lo stesso tessuto imprenditoriale: “Il numero delle imprese artigiane è già calato in maniera sensibile – aggiunge il vice presidente Stefano Bellè –. In questi tre mesi di chiusura totale molti artigiani senza alcun sostegno al reddito sono andati in difficoltà e non sono stati pochi coloro che hanno ipotizzato di gettare la spugna e di abbassare definitivamente la saracinesca”. C’è voglia di cambiare le carte in tavola e giocare una nuova mano in questa fase di supposto rilancio ma servono misure chiare e concrete. “L’apice della contrazione deve ancora arrivare – sostiene il direttore Gabriele Mascardi – ma l’entità dipenderà dalle misure di sostegno che verranno introdotte dal Governo nei prossimi mesi. Quanto fatto con il Decreto Rilancio era positivo ma ancora troppo poco”. “Per arginare la crisi delle Piccole e medie imprese servono massima semplificazione e flessibilità,  –  conclude Chericoni -. E’ intollerabile subire un ulteriore stop economico imposto dai freni della burocrazia. Pensiamo ad esempio alle somme stanziate dal governo per le imprese che non arrivano, agli ammortizzatori sociali che si perdono nei meandri della contabilità. Se Decreto Semplificazione deve essere, che lo sia per davvero. E’ questa l’unica intesa che salviamo”.

Confartigianato Massa Carrara

ore: 16:23 | 

comments powered by Disqus