ore:  12:04 | allerta colore giallo per rischio idrogeologico e temporali forti dalle ore 06.00 Venerdì, 24 Luglio 2020 alle ore 20.00 Venerdì, 24 Luglio 2020

ore:  12:58 | Codice giallo per rischio idrogeologico-idraulico e temporali forti fino alle ore 20 di oggi domenica 21 giugno su tutto il territorio toscano

ore:  16:12 | Rete oncologica regionale, approvate le nuove Linee di indirizzo

ore:  13:18 | emessa allerta colore giallo per rischio idregeologico e temporali forti a partire dalle ore dalle ore 13.00 alle ore 18.00 di Giovedì, 11 Giugno 2020

ore:  13:30 | Emessa allerta colore Arancio per rischio idreogeologico e temporali forti a partire dalle ore 00.00 di giovedi 11 giugno alle ore 13.00 di giovedi 11 giugno 2020

martedì, 19 maggio, 2020

http://www.antenna3.tv/2020/05/19/carrara-cocaina-sottoterra-e-soldi-in-casa-preso-pusher-solitario/

Mediavideo Antenna3

CARRARA – COCAINA SOTTOTERRA E SOLDI IN CASA: PRESO PUSHER SOLITARIO

di  Redazione web

Un altro duro colpo allo spaccio di droga è stato inferto dai Carabinieri del Nucleo Operativo, che hanno mandato a monte gli affari di un pusher “solitario” ritenuto fra i più attivi in città, anche ai tempi del coronavirus. A finire in manette è stato un 36enne originario del Marocco, trovato in possesso di tre etti di cocaina che aveva nascosto sottoterra, ma anche di un sostanzioso “tesoretto” proveniente dallo spaccio che aveva disseminato in vari posti segreti intorno all’abitazione.

L’operazione risale a sabato pomeriggio, quando i Carabinieri di Carrara, al termine di un’indagine non facile portata avanti in piena emergenza coronavirus, hanno messo in atto un “blitz” fulmineo come quello che si vede solitamente nelle scene dei film, per riuscire ad entrare dentro un’abitazione sperduta in mezzo alla campagna, ritenuta uno dei centri di spaccio di droga più attivi e allo stesso tempo “inespugnabili” degli ultimi tempi.

In quel casolare circondato da vitigni, campi incolti e boscaglia, per giunta raggiungibile solo da un sentiero in salita ripido e stretto difficilmente percorribile sia a piedi che in auto, un magrebino mai coinvolto in fatti di droga era riuscito a mettere in piedi un giro di cocaina che fruttava migliaia di euro. È stata proprio la posizione “strategica” di quel fabbricato, che si trova non lontano dal Castello Rosso di Ficola, a rendere la vita difficile ai Carabinieri di Carrara, infatti il magrebino da quella casa riusciva a dominare su tutta la zona e quindi poteva controllare tutti gli arrivi e di conseguenza “difendersi” con largo anticipo dalle eventuali incursioni delle Forze dell’Ordine.

Tra l’altro, nei giorni antecedenti il blitz di sabato, i militari dell’Arma avevano ricevuto parecchie segnalazioni di cittadini che abitano vicino Via Melara, preoccupati per il crescente viavai di persone dall’aspetto poco raccomandabile che, nonostante il lockdown, erano soliti imboccare a piedi, in auto o in bicicletta, la strada che costeggia il torrente Bagnone. Prendendo spunto da quelle segnalazioni, i Carabinieri hanno documentato che effettivamente in quella zona c’era un intenso “traffico” di presunti acquirenti di tutte le età, per la maggior parte di Carrara, diretti presso un’abitazione fatiscente che si trova in cima ad una ripida salita, dove puntualmente venivano accolti da un extracomunitario, che li faceva entrare in casa. I clienti si intrattenevano lì dentro per alcuni istanti e poi andavano via.

Alla fine, dopo aver raccolto tutti gli elementi e studiato la situazione, i Carabinieri hanno aspettato il momento propizio per fare irruzione nel “fortino” del magrebino e ci sono riusciti nel migliore dei modi, visto che l’uomo non si è accorto di nulla.

Appena entrati nella camera da letto, i militari dell’Arma hanno trovato in bella mostra una distesa di banconote da 50 euro messe in fila ordinatamente sul materasso. Lo straniero, non ha dato alcuna spiegazione di quella somma di denaro, anzi, invitato a consegnare la droga eventualmente in suo possesso, ha ripetuto senza esitazione di non avere nulla e di trovarsi lì solo per coltivare la terra e accudire i polli.

Le sue parole però sono state subito smentite dal rinvenimento di alcune dosi di cocaina nella tasca di un giubbotto, mentre un bilancino di precisione e altro materiale per il confezionamento sono stati trovati dentro un’intercapedine nel muro. A quel punto, è scattata una meticolosa perquisizione che ha impegnato per alcune ore una nutrita squadra di carabinieri, fra cui il Maggiore Cristiano Marella, Comandante della Compagnia di Carrara e il Luogotenente Walter Calandri, Comandante del Nucleo Operativo. Ispezionando l’area esterna, i militari dell’Arma si sono incamminati lungo un piccolo sentiero nell’erba alta che era stato chiaramente calpestato da poco, finchè sono giunti in un vecchio vitigno distante circa 200 metri dall’abitazione, dove le tracce si sono interrotte in corrispondenza di alcuni cespugli. È proprio in quel punto che i Carabinieri hanno cominciato a guardarsi intorno e alla fine, sotto lo sguardo impenetrabili del magrebino che ha assistito a tutte le operazioni, hanno tirato fuori dal terreno un contenitore di vetro chiuso ermeticamente con dentro buste di cocaina in sassi, tenute a contatto con il riso per difenderla dall’umidità. Nel frattempo, un’altra busta con dentro un grosso “sasso” di droga bianca è stata trovata nella tasca di un vecchio giubbotto appeso come uno straccio all’esterno dell’abitazione.

Messa sulla bilancia, tutta la droga recuperata è arrivata a 300 grammi di peso. Ma il pusher non si era limitato a nascondere solo la droga. Oltre al denaro che era sul letto, i Carabinieri hanno trovato varie mazzette di banconote nascoste in giro per la casa, perfino dentro i calzini. Addirittura una mazzetta composta solo da banconote da cinquanta euro, incellophanata con cura per non farla bagnare, è stata recuperata dai militari dell’Arma fuori dall’abitazione, sotto la pedana di una bilancia completamente arrugginita che sorreggeva una vasca per raccogliere l’acqua piovana. Alla fine, sono stati sequestrati 6700 euro in contanti, un vero e proprio “tesoretto” che lo straniero aveva ricavato dai traffici di droga.

L’uomo è risultato un 36enne regolare con il permesso di soggiorno poiché sposato con una donna italiana che vive a Gragnana, è stato quindi portato in Caserma, dove al termine dei narcotest sulla droga trovata in suo possesso, è stato dichiarato in arresto per “detenzione illecita di stupefacenti”. L’esito dell’operazione è stato comunicato al Pubblico Ministero Alessandra CONFORTI, che ha dato ordine di portare l’extracomunitario in carcere.

Lunedì mattina, al termine dell’udienza di convalida dell’arresto, il Giudice Antonella BASILONE del Tribunale di Massa, ha disposto gli arresti domiciliari e rinviato il processo ai primi di Giugno. Saranno le analisi di laboratorio a stabilire il principio attivo della cocaina sequestrata, il cui valore economico al dettaglio sarebbe stato complessivamente di circa 40.000 euro.

L’impegno dei Carabinieri di Carrara nella lotta contro lo spaccio e il consumo di droga resta alto, ma anche in questo campo è sempre più necessaria una forte collaborazione da parte dei cittadini, che con una semplice telefonata al “112” quando notano sconosciuti o movimenti sospetti nel proprio quartiere, così come nei parchi e nelle piazze della città, possono consentire di avviare delle verifiche e perfino delle indagini, contribuendo quindi in maniera determinante ad arginare il problema.

ore: 11:00 | 

comments powered by Disqus