ore:  14:01 | Ghiaccio, codice arancione per lunedì 15 febbraio su quasi tutta la Toscana

ore:  11:28 | Emessa allerta codice Giallo per Rischio Ghiaccio, dalle ore 20:00, di Sabato 13 Febbraio 2021, fino alle ore 12:00 e dalle ore 18:00 fino alle ore 23:59 di Domenica 14 Febbraio 2021

ore:  12:12 | allerta Gialla per Rischio Idrogeologico reticolo minore dalle ore 17:00 di Sabato 30 Gennaio, fino alle ore 02:00, di Domenica 31 Gennaio 2021;

ore:  12:38 | allerta Arancione per Ghiaccio dalle ore 18:00 di Lunedì 25 Gennaio 2021, fino alle ore 12:00, di Martedì 26 Gennaio 2021

ore:  12:48 | allerta Arancione per Mareggiate attualmente in corso fino alle ore 23:59 di Sabato 23 Gennaio 2021;Allerta gialla per rischio Idrogeologico reticolo minore, mareggiate e vento fino alle ore alle 23:59 Di Domenica 24 Gennaio 2021.

mercoledì, 1 aprile, 2020

http://www.antenna3.tv/2020/04/01/pietrasanta-commercio-artigianato-il-sindaco-ai-proprietari-dei-fondi-riduzione-o-sospensione-degli-affitti/

Mediavideo Antenna3

PIETRASANTA – Commercio/artigianato: il sindaco ai proprietari dei fondi, riduzione o sospensione degli affitti

di  Redazione web

“Ridurre o sospendere il canone di locazione per almeno tutto il periodo dell’emergenza. E’ il momento della solidarietà e del buonsenso. Anche da parte dei proprietari dei fondi. Non pretendete, oggi, quello che i locatari non possono assicurarvi, da contratto. Seminate per il prossimo futuro. C’è bisogno del sostegno di tutti per superare, tutti insieme, questo straordinario momento di emergenza sanitaria, economica e sociale”. L’invito ai proprietari de fondi parte dal Sindaco, Alberto Stefano Giovannetti che ha raccolto le preoccupazioni di numerosi locatari di tutta la città. Allo stato attuale non esistono al momento provvedimenti specifici per evitare di pagare l’affitto di attività commerciali ma solo il credito d’imposta del 60% pari al canone di marzo ma solo per negozi e botteghe (C1) escludendo artigiani, laboratori, magazzini, locali di deposito ed altre tipologie. “Le entrate, per il 95% delle attività chiuse, sono azzerate non per una scelta o volontà imprenditoriale ma per decreto. Oggi i locatari non sono in grado, oggettivamente, di onorare gli affitti. Per curare un paese malato non basta un’aspirina, serve molto di più. Aprile sarà un mese durissimo che coincideva con i primi incassi di un certo peso per le attività commerciali e turistiche grazie alla Pasqua, al 25 aprile, al 1 maggio e alla voglia della gente di uscire ed assaporare l’estate. La nostra stagione è compromessa”. La fine dell’emergenza, non è vicina, ma dobbiamo essere pronti a ripartire: “Cari proprietari non è il momento di essere inflessibili. Cercate di ascoltare il vostro locatario e trovare una soluzione condivisa per salvaguardare la buona continuità di rapporto. Serve uno sforzo di comunità”.

ore: 15:19 | 

comments powered by Disqus