ore:  14:01 | Ghiaccio, codice arancione per lunedì 15 febbraio su quasi tutta la Toscana

ore:  11:28 | Emessa allerta codice Giallo per Rischio Ghiaccio, dalle ore 20:00, di Sabato 13 Febbraio 2021, fino alle ore 12:00 e dalle ore 18:00 fino alle ore 23:59 di Domenica 14 Febbraio 2021

ore:  12:12 | allerta Gialla per Rischio Idrogeologico reticolo minore dalle ore 17:00 di Sabato 30 Gennaio, fino alle ore 02:00, di Domenica 31 Gennaio 2021;

ore:  12:38 | allerta Arancione per Ghiaccio dalle ore 18:00 di Lunedì 25 Gennaio 2021, fino alle ore 12:00, di Martedì 26 Gennaio 2021

ore:  12:48 | allerta Arancione per Mareggiate attualmente in corso fino alle ore 23:59 di Sabato 23 Gennaio 2021;Allerta gialla per rischio Idrogeologico reticolo minore, mareggiate e vento fino alle ore alle 23:59 Di Domenica 24 Gennaio 2021.

giovedì, 19 marzo, 2020

http://www.antenna3.tv/2020/03/19/emergenza-coronavirus-appello-ai-comuni-di-massa-e-di-carrara-da-parte-di-confcommercio-situazione-senza-precedenti-servono-misure-straordinarie-a-sostegno-delle-imprese/

Mediavideo Antenna3

EMERGENZA CORONAVIRUS, APPELLO AI COMUNI DI MASSA E DI CARRARA DA PARTE DI CONFCOMMERCIO: “SITUAZIONE SENZA PRECEDENTI, SERVONO MISURE STRAORDINARIE A SOSTEGNO DELLE IMPRESE”

di  Redazione web

Le proposte del presidente provinciale Giuseppe Pieretti e della vicepresidente Nadia Cavazzini

Chiede misure forti e concrete a sostegno delle imprese Confcommercio, rivolgendosi ai Comuni di Massa e di Carrara a seguito dell’esplosione e della crescita dell’emergenza – coronavirus “Il trascorrere dei giorni – affermano il presidente provinciale dell’associazione Giuseppe Pieretti e la vicepresidente Nadia Cavazzini – e l’accavallarsi di notizie che raccontano un quadro sempre più problematico in tutta Italia legato all’emergenza coronavirus, allontanano e rendono più che mai incerti i tempi di ritorno alla normalità. Stiamo vivendo, ormai è chiaro a tutti, una situazione sanitaria, sociale ed economica senza precedenti nella storia della nostra Repubblica, e questo rende doverose misure altrettanto straordinarie a sostegno dell’intero tessuto produttivo, massese e non solo”. “Da parte nostra – proseguono Pieretti e Cavazzini – chiediamo che i Comuni intervengano verso Gaia ed Enel, gestori dei servizi idrico ed elettrico, per la sospensione delle bollette e l’annullamento delle spese fisse per le attività che causa forza maggiore hanno dovuto chiudere nel rispetto delle normative governative in materia di contrasto alla diffusione del virus.

Come già detto nei giorni scorsi, rinnoviamo inoltre l’appello alle amministrazioni – già presentato telefonicamente a Massa anche all’assessore Pierlio Baratta che si è detto favorevole a discuterne – e ai cittadini proprietari di immobili concessi in locazione affinché abbiano comprensione per le attività costrette a chiudere che non hanno pagato il canone. Al tempo stesso domandiamo ai sindaci di prevedere un documento di accordo “salva attività commerciali”, all’interno del quale sia prevista la possibilità di spalmare su 12 mensilità i canoni di marzo e aprile, accordando a chi lo vorrà sottoscrivere uno sconto su Tari o altri tributi locali”. “Ricordiamo – terminano i due esponenti di Confcommercio – che l’80 per cento delle attività commerciali delle nostre città sono in locazione e con questa forte crisi rischiano di non riaprire. Lanciamo quindi un accorato appello alle amministrazioni comunali affinché sostengano queste due importanti iniziative”.

ore: 13:21 | 

comments powered by Disqus