ore:  12:58 | Codice giallo per rischio idrogeologico-idraulico e temporali forti fino alle ore 20 di oggi domenica 21 giugno su tutto il territorio toscano

ore:  16:12 | Rete oncologica regionale, approvate le nuove Linee di indirizzo

ore:  13:18 | emessa allerta colore giallo per rischio idregeologico e temporali forti a partire dalle ore dalle ore 13.00 alle ore 18.00 di Giovedì, 11 Giugno 2020

ore:  13:30 | Emessa allerta colore Arancio per rischio idreogeologico e temporali forti a partire dalle ore 00.00 di giovedi 11 giugno alle ore 13.00 di giovedi 11 giugno 2020

ore:  15:04 | allerta di colore Giallo per rischio idreogeologico e temporali forti a partire dalle ore 13.00 Martedì, 09 Giugno alle ore 23.59 Mercoledì, 10 Giugno 2020

venerdì, 28 febbraio, 2020

http://www.antenna3.tv/2020/02/28/coronavirus-paura-ferma-vendita-fiori-marzo-sia-mese-dei-fiori-anti-covid-19-in-versilia-migliaia-di-esemplari-di-tulipani-ranuncoli-piante-rischiano-di-essere-invenduti/

Mediavideo Antenna3

CORONAVIRUS: PAURA FERMA VENDITA FIORI, MARZO SIA MESE DEI FIORI ANTI-COVID 19 In Versilia migliaia di esemplari di tulipani, ranuncoli, piante rischiano di essere invenduti

di  Redazione web

L’effetto paura coronavirus ferma anche la vendita dei fiori. Coldiretti confida nell’8 marzo per recuperare il terreno perso e rivolge un invito ai consumatori ad acquistare fiori e piante prodotti dalle aziende agricole locali. L’emergenza sanitaria rappresentata dal nuovo Covid-19, che in queste ore si sta profondamente ridimensionando, ha bloccato intere commesse di fiori destinati al Nord nelle serre e nelle aziende. L’andamento meteo anomalo e le temperature miti di queste settimana hanno fatto “sbocciare” prima molte fioriture che sono già pronte per la vendita. Parliamo di migliaia di esemplari, tra tulipani, ranuncoli, violaciocca, piante in vaso ed altre tipologie le cui coltivazioni sono concentrate in Versilia, che rischiano di essere invendute con un danno incalcolabile, fino a qui, per un settore che vale 200 aziende specializzate e 2 mila addetti tra diretti ed indiretti per un fatturato complessivo di circa 150 milioni di fatturato tra produzione e trasformazione.

“Dopo i primi giorni di emergenza che ci hanno messo di fronte ad un quadro molto diverso da quello catastrofico rappresentato inizialmente – analizza Andrea Elmi, Presidente Coldiretti Lucca – è importante far ripartire subito la locomotiva paese consentendo di riavviare tutte le attività ora bloccate e mettere in condizione le imprese e i lavoratori di tutti i territori di lavorare in modo proficuo e sicuro. Uno dei settori cardine della nostra provincia che ha subito, dall’indomani dello scoppio della psicosi, una brusca frenata è stato quello della floricoltura. Il risultato è che il blocco del Nord Italia, che rappresenta un mercato di riferimento per il florovivaismo versiliese, ha paralizzato tutta la filiera. Questo significa che di questo passo, con un altro mese folle come quello che stiamo vivendo, le aziende non saranno in grado di mantenere gli impegni con il fisco, con i comuni, con i lavoratori. Altro che recessione…”.

Oltre alle misure urgenti che il Governo si appresta ad adottare, sarà necessario un sostegno alle imprese e al reddito dei lavoratori. Coldiretti chiede che alle istituzioni, dal Governo ai Comuni, di sostenere le imprese con misure speciali ed iniziative per promuovere il negozio di vicinato ed i mercati degli agricoltori. La prima si terrà al mercato di Campagna Amica di Viareggio che si tiene ogni settimana il martedì in via Fratti. “Un fiore vince la paura e porta felicità nelle case e nelle nostre vite. – spiega Elmi – Iniziamo già da oggi ad acquistare i fiori della Versilia. Adorniamo i nostri balconi, le nostre finestre e diamo un segnale positivo al mondo. Il fiore è il simbolo della resilienza e della nostra voglia di non farci sopraffare dalla paura e dalla psicosi. Ci vediamo a Viareggio, martedì 3 marzo, per la prima iniziativa insieme ai produttori di Campagna Amica”.

ore: 12:38 | 

comments powered by Disqus