ore:  12:04 | allerta colore giallo per rischio idrogeologico e temporali forti dalle ore 06.00 Venerdì, 24 Luglio 2020 alle ore 20.00 Venerdì, 24 Luglio 2020

ore:  12:58 | Codice giallo per rischio idrogeologico-idraulico e temporali forti fino alle ore 20 di oggi domenica 21 giugno su tutto il territorio toscano

ore:  16:12 | Rete oncologica regionale, approvate le nuove Linee di indirizzo

ore:  13:18 | emessa allerta colore giallo per rischio idregeologico e temporali forti a partire dalle ore dalle ore 13.00 alle ore 18.00 di Giovedì, 11 Giugno 2020

ore:  13:30 | Emessa allerta colore Arancio per rischio idreogeologico e temporali forti a partire dalle ore 00.00 di giovedi 11 giugno alle ore 13.00 di giovedi 11 giugno 2020

martedì, 24 dicembre, 2019

http://www.antenna3.tv/2019/12/24/polizia-primo-bilancio-del-piano-natale-al-sicuro-consigli-per-luso-corretto-dei-fuochi-di-artificio/

Mediavideo Antenna3

POLIZIA – PRIMO BILANCIO DEL PIANO “NATALE AL SICURO”. CONSIGLI PER L’USO CORRETTO DEI FUOCHI DI ARTIFICIO

di  Redazione web

L’operazione “Natale al sicuro”, disposta dal Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica e coordinata dalla Questura di Massa Carrara, ha potenziato i controlli di sicurezza in ambito provinciale, attraverso un pianificato e coordinato impiego di tutte le Forze di Polizia, Polizia di Stato, Arma dei Carabinieri e Guardia di Finanza, con il supporto delle Specialità della Polizia di Stato, Polizia Stradale e Polizia Ferroviaria e il concorso delle Polizie Municipali.

 

In campo nei primi giorni dell’operazione ad Alto Impatto 40 pattuglie dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico della Questura, con il supporto delle pattuglie della Polizia Stradale, a vigilare su tutti i luoghi sensibili del capoluogo. Numeri importanti sotto il profilo dei risultati: 325 persone identificate, 122 veicoli controllati, elevate 58 contravvenzioni al Codice della Strada; adottato 1 fermo amministrativo e ritirate 1 patente e 1 carta di circolazione.

 

Inoltre, sono stati denunciati due cittadini romeni di 23 e 20 anni, che fingendosi sordomuti cercavano di truffare i passanti, nel centro cittadino, mostrando un falso modulo per elargire 20 Euro ad una pseudo associazione per disabili.  I due sono stati fermati e scoperti anche grazie alla segnalazione della rappresentante della Consulta per disabili; un cittadino marocchino di trentaquattro anni, senza fissa dimora, in evidente stato di ebbrezza alcolica, è stato denunciato per danneggiamento a strutture della locale stazione ferroviaria e allontanato da quel luogo.

 

Tre persone, due massesi e un carrarese, sono stati segnalati ai sensi dell’art. 75 della legge sugli stupefacenti alla Prefettura per possesso di dosi, per uso personale, di hashish, cocaina e crack.

 

Sul fronte del contrasto all’immigrazione clandestina, l’Ufficio Immigrazione ha proceduto all’accompagnamento coattivo alla frontiera di un cittadino marocchino di trenta anni, pregiudicato per reati in materia di stupefacenti, rapina, resistenza e oltraggio a pubblico ufficiale. Lo straniero, che stava scontando una condanna a cinque anni di carcere, su disposizione dell’Autorità giudiziaria è stato scortato da personale specializzato della Polizia di Stato a bordo di un aereo diretto in Marocco.

 

In tale contesto, è stato arrestato un trentanovenne di Carrara resosi responsabile di furto di una ruspa, con la quale ha poi sradicato una colonnina di pagamento del distributore della Esso di Codupino. Nel tentativo di fuggire con il pesante mezzo il rapinatore cercava di investire un coraggioso cittadino, che si era messo al suo inseguimento, e i poliziotti che immediatamente erano giunti sul posto, e che avevano dovuto anche esplodere alcuni colpi di pistola per difendersi dall’attacco.

 

I controlli hanno riguardato anche la vendita di artifici pirotecnici. In questo caso sono entrati in azione gli uomini e le donne della Divisione di Polizia Amministrativa della Questura che hanno sottoposto a controllo 6 armerie, 8 supermercati e 3 tabaccherie a Massa, 1 supermercato a Montignoso e due depositi per artifici pirotecnici in Lunigiana. Al momento, non sono state riscontrate irregolarità. Comunque i controlli proseguiranno per tutto il periodo natalizio.

 

A questo proposito, la Polizia di Stato vuole dare alcuni consigli per l’uso corretto dei fuochi di artificio e per evitare rischi di incidenti, che purtroppo caratterizzano i periodi delle feste di capodanno, ancorché negli ultimi anni si sia registrato una diminuzione del numero dei feriti.

 

  • No ai bambini! Tutti i prodotti pirotecnici, compresi quelli di libera vendita che si possono acquistare anche nei supermercati, nelle cartolerie ed in esercizi non specializzati, NON sono MAI destinati ai bambini.
  • Chi vende prodotti pirotecnici, anche “di libera vendita”, a minori di anni 14 è sempre perseguibile a norma di legge.
  • Chi ha più di 14 anni può acquistare ed utilizzare solo i prodotti pirotecnici “di libera vendita”, ma mai quelli di V e IV categoria, destinati solo ad un consumatore adulto ed autorizzato (quando non, addirittura, limitati al solo uso professionale).
  • No alle armi: sparare in luogo pubblico con fucili, pistole e, in taluni casi, anche con armi giocattolo, oltre a essere pericolosissimo è un reato punibile con l’arresto.Si consideri che un colpo di pistola, ed ancor più quello di una carabina, può risultare lesivo a molte centinaia di metri e che “sparare in aria” NON ESCLUDE il rischio di arrecare gravi lesioni o addirittura la morte ad altri. Perciò state alla larga da chi vuole “festeggiare” in questo modo e denunziatelo subito alle Forze di polizia.
  • Bancarelle a rischio: per acquistare prodotti pirotecnici rivolgersi sempre a commercianti autorizzati. Evitare bancarelle improvvisate, prive di licenza di commercio per i prodotti declassificati ad esempio, e diffidate di prodotti privi di un’etichetta che indichi, con gli estremi dell’autorizzazione del Ministero dell’Interno, (nr. protocollo e data), istruzioni a voi chiare sull’utilizzo del prodotto.
  • Seguire sempre le istruzioni: leggere e seguire attentamente le istruzioni d’uso riportate sull’etichetta o i fogli illustrativi che accompagnano il prodotto. Anche le innocue “stelline”, se maneggiate senza le dovute attenzioni, possono causare lesioni gravi.
  • Accensione: accendere un fuoco alla volta ed evitare che al momento dell’accensione ci siano altri fuochi vicini. Durante l’uso tenerli lontano da prodotti infiammabili (tende, divani, tappeti, alcool o benzina, sterpaglie secche, ecc.).
  • Abiti: attenzione agli abiti che indossate quando usate un fuoco d’artificio. Mai mettere giacconi o maglioni di pile o fibra sintetica, e nemmeno indumenti acetati come tute sportive. Basta una scintilla per trasformare questi abiti in micidiali trappole.
  • Solo all’aperto: accendeteli solo all’aperto, il più possibile lontani dalle abitazioni. Razzi ed altri artifizi di qualsiasi natura non devono essere mai puntati verso le finestre o i balconi di costruzioni vicine e tanto meno in direzione di persone. Verificate, per le “fontane luminose”, o i fuochi aerei l’altezza che sarà raggiunta dalla fiamma o dagli altri effetti ed evitate, comunque, di collocarli sotto balconi o alberi.
  • Fissare a un sostegno: se possibile ed ove previsto dalle istruzioni per l’uso, fissare con cura il fuoco artificiale ad un sostegno prima della sua accensione, controllando che la traiettoria sia libera, ed allontanarsi subito dopo l’accensione per godersi a distanza lo spettacolo.
  • Micce corte: le micce o gli inneschi dei fuochi pirotecnici sono piuttosto corti e/o abbastanza rapidi nella combustione, ma devono sempre lasciare il tempo all’utilizzatore di porsi a distanza di sicurezza dopo l’accensione. Non in ogni caso di apparente mancato funzionamento, però, si deve pensare che la miccia o innesco si siano necessariamente spenti. Può darsi, invece, che a causa di un difetto costruttivo del prodotto, la miccia abbia un funzionamento molto più lungo del normale, inducendo ad avvicinarsi al fuoco proprio nel momento in cui esso si attiva, con intuibili gravi pericoli per l’incolumità dell’utilizzatore. Altrettanto pericoloso è l’uso di fuochi artificiali destinati a professionisti (normalmente di IV Categoria) che presentino una “miccia rapida”. In questo caso l’accensione del prodotto è praticamente immediata e il consumatore rischia seriamente di essere investito dagli effetti del pirotecnico.
  • Mancato funzionamento: in tutti gli altri casi di malfunzionamento di un prodotto pirotecnico non toccatelo e non vi avvicinate. Potrebbe innescarsi anche a distanza di tempo e provocare gravi danni alla persona.
  • Pirotecnici inesplosi: se vi trovate in prossimità di un pirotecnico inesploso, in strada oppure a casa, non toccatelo. Avvertite le forze di polizia, anche in forma anonima.
  • Trasporto e fiamme libere: evitare di trasportare notevoli quantitativi di materiale pirotecnico in una normale autovettura. Non maneggiare mai fuochi in prossimità di fiamme libere (accendini, fiammiferi, sigarette), non collocarli né utilizzarli vicino liquidi o contenitori di gas infiammabili. Il trasporto professionale dei pirotecnici deve sempre avvenire nel rispetto delle norme del Codice della Strada e dell’ADR.
  • Segnalazioni in forma anonima: segnalare alle Forze di polizia eventuali vendite a minorenni o qualsiasi altra attività che al momento può sembrare illecita o pericolosa.

ore: 13:26 | 

comments powered by Disqus