ore:  16:26 | Meteo, codice arancione anche domenica 22 per pioggia, vento e mareggiate

ore:  12:55 | MALTEMPO – Allerta GIALLA per domani Lunedi 2 dicembre per temporali

ore:  11:46 | Maltempo, codice giallo per temporali sulla Lunigiana dalle 20 di domenica 1 dicembre

ore:  11:40 | MALTEMPO – Allerta Gialla per temporali da domenica sera

ore:  12:49 | Maltempo, prolungato fino alle 21 di domani, sabato, il codice giallo per rovesci e temporali

martedì, 9 luglio, 2019

http://www.antenna3.tv/2019/07/09/prostituzione-in-case-vista-mare-stroncato-un-giro-radicato-da-10-anni-divieto-di-dimora-per-un-cittadino-milanese-proprietario-delle-abitazioni/

Mediavideo Antenna3

Prostituzione in case vista mare, stroncato un giro radicato da 10 anni. Divieto di dimora per un cittadino milanese proprietario delle abitazioni

di  Redazione web

Affittava a fini turistici appartamenti vista mare a prostitute brasiliane transessuali clandestine, utilizzando prestanomi e omettendo di conferire al comune di Massa la tassa di soggiorno. I carabinieri, coordinati dalla procura di Massa Carrara nell’operazione chiamata “Poppea”, hanno smantellato un giro di prostituzione sulla costa apuana radicato da 10 anni: a favorire i transessuali era un immobiliarista milanese, 60 anni, proprietario di un complesso turistico residenziale formato da 11 appartamenti vista mare.

Non potendo affittare ai clandestini si avvaleva di prestanomi: i transessuali pagavano in media 600 euro di affitto che finivano tutti nelle tasche dell’imprenditore, per un giro di affari di oltre 4 milioni di euro solo nell’ultimo anno. Negli appartamenti venivano accompagnati i clienti, tra cui facoltosi cittadini locali, tanti turisti, stranieri e giovani 20enni. I carabinieri hanno smantellato anche un giro di spaccio legato alla prostituzione e interrotto i frequenti episodi di violenza subiti dai trans, oggetto di pestaggi e rapine.

L’imprenditore milanese, residente tra Massa e la Lombardia, è stato raggiunto da un provvedimento cautelare di divieto di dimora in provincia di Massa Carrara: i reati contestati sono peculato (per l’omissione della tassa di soggiorno), e favoreggiamento della prostituzione. Cinque prestanome sono stati denunciati a piede libero mentre le prostitute clandestine verranno ora espulse dal territorio nazionale

 

ore: 14:03 | 

comments powered by Disqus