ore:  12:58 | Codice giallo per rischio idrogeologico-idraulico e temporali forti fino alle ore 20 di oggi domenica 21 giugno su tutto il territorio toscano

ore:  16:12 | Rete oncologica regionale, approvate le nuove Linee di indirizzo

ore:  13:18 | emessa allerta colore giallo per rischio idregeologico e temporali forti a partire dalle ore dalle ore 13.00 alle ore 18.00 di Giovedì, 11 Giugno 2020

ore:  13:30 | Emessa allerta colore Arancio per rischio idreogeologico e temporali forti a partire dalle ore 00.00 di giovedi 11 giugno alle ore 13.00 di giovedi 11 giugno 2020

ore:  15:04 | allerta di colore Giallo per rischio idreogeologico e temporali forti a partire dalle ore 13.00 Martedì, 09 Giugno alle ore 23.59 Mercoledì, 10 Giugno 2020

lunedì, 24 giugno, 2019

http://www.antenna3.tv/2019/06/24/regolamento-urbanistico-se-il-5-luglio-la-commissione-paesaggistica-dara-parere-favorevole-latto-puo-tornare-in-consiglio-comunale/

Mediavideo Antenna3

REGOLAMENTO URBANISTICO.- SE IL 5 LUGLIO LA COMMISSIONE PAESAGGISTICA DARA’ PARERE FAVOREVOLE, L’ATTO PUO’ TORNARE IN CONSIGLIO COMUNALE

di  Redazione web

Il 5 luglio in Regione è convocata la commissione paesaggistica per valutare gli aggiustamenti richiesti al comune di Massa e prodotti dagli uffici sul Regolamento urbanistico. Dovrebbe essere la commissione definitiva, quella che redigerà un verbale ed invierà il parere al comune; dopo di che sarà confezionata la proposta di delibera da portare al consiglio comunale per la definitiva approvazione del Ru che però non diventerà efficace prima di un ultimo passaggio. L’atto, infatti, dovrà essere nuovamente inviato alla Regione Toscana che verificherà che sia stato discusso e approvato come indicato dalla paesaggistica e dopo il via libera sarà pubblicato sul Burt.

L’iter che dovrà seguire il Regolamento urbanistico lo ha illustrato  l’architetto Vinicio Ticciati alla commissione urbanistica chiarendo anche alcuni punti ai consiglieri di opposizione, in particolare Stefano Alberti, Pd, che ha chiesto delucidazioni sugli Aru che, stando ai tecnici, saranno ripubblicati avendo subito stralci e riperimetrazioni dando la possibilità ai cittadini di presentare osservazioni, e sull’adeguamento alla legge regionale 41 sul rischio idraulico.

Quest’ultima, modificata a fine 2018, consente di pianificare in aree Pime, fermo restando l’obbligatorietà di opere di messa in sicurezza e, secondo Ticciati, «sarebbe sempre opportuno adeguarsi alla normativa». L’adeguamento sarà fatto dopo l’approvazione del Ru perché «occorre adeguare anche il Piano strutturale che dovremo portare in consiglio entro il 27 novembre». E poi Ronchi-Poveromo che dal Ru è stato momentaneamente tolto. «E’ stata introdotta una norma di salvaguardia – ha spiegato il dirigente – alla Regione, che ci aveva indicato solo interventi di restauro conservativo sull’esistente, abbiamo proposto la ristrutturazione conservativa con la possibilità di ampliamenti fino al 2

ore: 18:22 | 

comments powered by Disqus