ore:  15:52 | Maltempo, codice giallo per vento dalla mezzanotte di lunedì per 24 ore

ore:  15:59 | Codice giallo esteso fino alla mattinata di lunedì 15 novembre, in arrivo vento e mareggiate

ore:  12:57 | aggiornamento Allerta Giallo per Rischio idrogeologico, idraulico reticolo minore e Temporali Forti dalle ore 18:00 di sabato 13 novembre fino alle ore 23.59 di Domenica 14 novembre.

ore:  10:05 | allerta codice Giallo per rischio idrogeologico e Temporali Forti, dalle ore 18.00 fino alle ore 23:59 di Sabato 13 Novembre 2021.

ore:  12:54 | aggiornamento allerte codice Giallo per: rischio idrog. e temp. forti, dalle ore 07 fino alle ore 23:59 di Mercoledì 03 Novembre 2021; per mareggiate in corso fino alle ore 22.00 di Martedì 02 Novembre 2021; per vento in corso

mercoledì, 29 maggio, 2019

http://www.antenna3.tv/2019/05/29/marmo-lucchetti-confindustria-non-si-scarichino-sulle-nostre-aziende-i-danni-dellinquinamento-delle-falde-le-ordinanze-sui-pozzi-tutelino-luso-industriale-dellacqu/

Mediavideo Antenna3

Marmo, Lucchetti (Confindustria): “Non si scarichino sulle nostre aziende i danni dell’inquinamento delle falde” “Le ordinanze sui pozzi tutelino l’uso industriale dell’acqu

di  Redazione web

“Non sarebbe giusto che chi ha inquinato non paghi e invece chi ha subito l’inquinamento debba pagare dopo i danni ambientali e di salute anche eventuali ripercussioni economiche”, così il presidente degli industriali di Massa Carrara, Erich Lucchetti, prende posizione sull’inquinamento nell’area industriale apuana e sulle conseguenti ordinanze sindacali di ieri e aggiunge:

Per questo chiediamo che chi ha inquinato si assuma i costi delle bonifiche e che le ordinanze dei sindaci sul divieto di utilizzo dell’acqua dei pozzi non tocchino il loro uso industriale o che prevedano costi agli stessi valori attuali per l’eventuale utilizzo a fini industriali dell’acqua dell’acquedotto gestito da Gaia. Altrimenti chi ha investito in zona industriale, creando aziende e posti di lavoro, sarebbe costretto a pagare per responsabilità altrui con ovvie ripercussioni sia sugli investimenti che sui livelli occupazionali”.

“Non sarebbe accettabile – spiega Lucchetti – che dopo anni di inquinamento e dopo l’abbandono di un territorio con alle spalle veleni e disoccupazione qualcuno ora pensi che il conto debba essere fatto pagare direttamente o indirettamente alle nostre aziende locali e ai cittadini di Massa e di Carrara. Perché è ovvio che se le nostre aziende non potranno più usare l’acqua dei pozzi e dovranno rivolgersi a Gaia di certo non lo potranno fare sopportando costi elevati altrimenti si tratterebbe di una ingiusta penalizzazione. Perché non va dimenticato che le aziende si sono insediate in quelle aree sulla base di certificati di bonifica firmati proprio da Arpat che le garantivano. Certificati poi ritenuti non più validi cosicché le imprese si sono dovute assumere cospicui costi aggiuntivi per la caratterizzazione dei terreni al fine di poter costruire le proprie strutture produttive e creare posti di lavoro” .

Insomma i danni ambientali e economici sono già stati enormi per tutti i cittadini  e le imprese sia in termini di salute che occupazionali, a questi –  continua Lucchetti – non si deve aggiungere la beffa di danneggiare chi in quell’area ha investito e creato occupazione dopo anni e anni di colpevole abbandono”.

Quello che c’è nelle falde – aggiunge Lucchetti – è stato scaricato dalle aziende chimiche fino agli anni ’80, perché le sostanze trovate oggi sono figlie delle lavorazioni chimiche di 40 anni fa”.

Conclude Lucchetti: “Di quell’inquinamento le nostre aziende ne sono quindi vittime. Essere  di nuovo punite con un aumento dei costi relativi all’uso dell’acqua sarebbe quindi non solo una palese ingiustizia, ma anche un modo per ostacolarne l’attività con gravi conseguenze per investimenti e occupazione” .

ore: 14:56 | 

comments powered by Disqus