ore:  13:02 | Maltempo, codice giallo per temporali forti fino alle 20 di oggi

ore:  11:34 | ALLERTA maltempo elevata ad ARANCIONE dalle 18 di oggi alle 13 di domani, domenica

ore:  12:04 | allerta colore giallo per rischio idrogeologico e temporali forti dalle ore 06.00 Venerdì, 24 Luglio 2020 alle ore 20.00 Venerdì, 24 Luglio 2020

ore:  12:58 | Codice giallo per rischio idrogeologico-idraulico e temporali forti fino alle ore 20 di oggi domenica 21 giugno su tutto il territorio toscano

ore:  16:12 | Rete oncologica regionale, approvate le nuove Linee di indirizzo

giovedì, 9 maggio, 2019

http://www.antenna3.tv/2019/05/09/arrestato-corriere-della-droga-trafficava-tra-la-brianza-e-massa-carrara-fermato-con-11-chili-di-coca-e-altrettanti-di-hashish-dalla-polizia-di-la-spezia/

Mediavideo Antenna3

Arrestato corriere della droga, trafficava tra la Brianza e Massa-Carrara. Fermato con 11 chili di coca e altrettanti di hashish dalla polizia di La Spezia

di  Redazione web

Undici chilogrammi di cocaina e altrettanti di hashish che, se immessi sul mercato, avrebbero potuto fruttare oltre due milioni di euro. Sono i numeri dell’operazione della Squadra mobile della Spezia che ha portato all’arresto di un corriere marocchino di 35 anni, Kamal Kaddouri.

Le indagini, condotte con la collaborazione delle questure di Milano, Massa-Carrara e Monza Brianza, hanno permesso di stroncare un traffico tra Milano e l’area a cavallo tra le province di Spezia e Massa Carrara. Gli investigatori, anche grazie all’installazione a bordo dell’auto del marocchino di un Gps, hanno ricostruito i movimenti dell’uomo.

Ieri il blitz, con il marocchino fermato a Massa: in un doppio fondo dell’auto c’erano 4 panetti di cocaina pura da 1 kg ciascuno e 35 mila euro. Ulteriori perquisizioni su altre auto in uso allo straniero hanno permesso di rintracciare a Carugate (Milano), altri 12 panetti di hashish, per 11 kg in una Golf, e altri 7 kg di cocaina e 7 mila euro in un doppiofondo di una Touran.

-il tirreno-

ore: 15:40 | 

comments powered by Disqus