ore:  18:32 | allerta gialla per rischio idrogeologico idraulico temporali forti dalle ore 21.00 Domenica, 07 Luglio 2019 alle ore 10.00 Lunedì, 08 Luglio 2019

ore:  13:22 | emessa allerta gialla per rischio idreogeologico e temporali forti a partire dalle ore15.00 Martedì, 28 Maggio alle ore 23.59 Mercoledì, 29 Maggio

ore:  13:11 | Codice giallo per precipitazioni e domani temporali sul sud della Toscana

ore:  13:41 | prorogata allerta gialla per rischio idrogeologico idraulico in corso finoalle ore 14.00 Martedì, 21 Maggio 2019

ore:  14:18 | Codice giallo per temporali e precipitazioni dalla mezzanotte di oggi alle 20 di domani, sabato

mercoledì, 8 maggio, 2019

http://www.antenna3.tv/2019/05/08/mulazzo-dario-balestracci-presenta-una-lezione-pratica-sullantico-uso-in-lunigiana-dei-testi-seguira-cena-dei-prodotti-cucinati-sabato-25-centro-s-giuseppe-arpiola/

Mediavideo Antenna3

MULAZZO – Dario Balestracci presenta una lezione pratica sull’antico uso in Lunigiana dei testi. Seguirà cena dei prodotti cucinati. Sabato 25 Centro S.Giuseppe Arpiola

di  Redazione web

LA ScìENZA IN CUCINA sabato 25 maggio 2019 ore 18,00 presso Centro Anspi San Giuseppe Arpiola

Un tempo per cucinare si usavano i “testi“, dei contenitori anticamente fatti di cotto e più tardi di ghisa, formati da una parte inferiore (chiamato sottano) in pratica una teglia a base circolare senza manici, coperta da una superiore (soprano) di forma conica.
I testi erano usati per cuocere praticamente tutto, dalla carne in questa zona soprattutto l’agnello al pane soprattutto la crescente ai famosi testaroli che proprio a questo strumento devono il nome. Oggi questo tipo di cottura non è più molto usato, anche se recentemente si è risvegliato un nuovo interesse per questa tecnica di cottura, quindi provare i piatti preparati nei Testi è un evento speciale.
Ad Arpiola Dario terrà una lezione sulla tecnica di cottura e cucinerà per gli ospiti piatti tradizionali sui testi in ghisa

Organizzazione Associazione Esploranda

ore: 13:39 | 

comments powered by Disqus