ore:  12:58 | Codice giallo per rischio idrogeologico-idraulico e temporali forti fino alle ore 20 di oggi domenica 21 giugno su tutto il territorio toscano

ore:  16:12 | Rete oncologica regionale, approvate le nuove Linee di indirizzo

ore:  13:18 | emessa allerta colore giallo per rischio idregeologico e temporali forti a partire dalle ore dalle ore 13.00 alle ore 18.00 di Giovedì, 11 Giugno 2020

ore:  13:30 | Emessa allerta colore Arancio per rischio idreogeologico e temporali forti a partire dalle ore 00.00 di giovedi 11 giugno alle ore 13.00 di giovedi 11 giugno 2020

ore:  15:04 | allerta di colore Giallo per rischio idreogeologico e temporali forti a partire dalle ore 13.00 Martedì, 09 Giugno alle ore 23.59 Mercoledì, 10 Giugno 2020

venerdì, 26 aprile, 2019

http://www.antenna3.tv/2019/04/26/ognuno-getti-i-rifiuti-a-casa-sua-ordinanza-di-massa-per-dire-stop-alla-migrazione-da-altri-comuni/

Mediavideo Antenna3

Ognuno getti i rifiuti a casa sua: ordinanza di Massa per dire stop alla “migrazione” da altri comuni

di  Redazione web

Giro di vite dell’amministrazione massese contro i “furbetti” dei rifiuti, ma anche per impegnare i cittadini a fare la propria parte per il decoro della città sotto ogni aspetto. Da anni i vari assessori e amministratori Asmiu denunciano il conferimento anomalo e irregolare dei rifiuti a Massa dalle vicine città, una “guerra” che “incide il 7% sulla raccolta” conferma Lorenzo Porzano, amministratore unico di Asmiu. Per mettere un freno al fenomeno della “migrazione” dei rifiuti, il sindaco Francesco Persiani ha emesso un’ordinanza che vieta ai cittadini non residenti di gettare a Massa rifiuti solidi urbani prodotti da altri comuni. E sono previste multe da 25 euro a 500 euro. “Il conferimento dei rifiuti comporta un aumento del quantitativo totale di RSU – motiva l’ordinanza – incrementa i costi del servizio e rende in parte vani gli sforzi dell’amministrazione volti all’aumento della percentuale di raccolta differenziata”. Il Lavello, via delle Pinete, Poveromo, via Dorsale, le zone di confine insomma, sono solo alcune delle più «frequentate» da chi da fuori porta i rifiuti nel capoluogo. Un paio di mesi fa, proprio Porzano denunciò con un video una donna che dall’auto lanciava il suo sacchetto accanto ad un cassonetto in via Verdi e quella donna arrivava addirittura da Tonfano. Per l’assessore Veronica Ravagli, con delega a ambiente e decoro, “tanta gente scarica a Massa perché sul loro territorio hanno il porta a porta e, se hanno ingombranti o rifiuti in più, per loro è un problema; con il bando vinto da Asmiu avremmo i cassonetti interrati e quelli intelligenti che si apriranno con le tessere, intanto agiamo così, ma questa è solo la prima di tre ordinanza per il decoro urbano”. Un secondo atto riguarderà gli sfalci, le potature e il mantenimento degli edifici abbandonati da parte dei privati e la terza, non solo vieterà di dare da mangiare ai piccioni, ma anche di creare situazioni di degrado che aumentino la loro presenza. Ma le motivazioni che hanno spinto il sindaco all’ordinanza, da cui sono esclusi i turisti e i non residenti, ma domiciliati nel Comune di Massa per motivi di studio o lavoro, è stata fatta anche per motivi igienico-sanitari: “situazioni di degrado non accettabili soprattutto in aree centrali e frequentate dovute ai rifiuti, aggiuntivi e non previsti, lasciati all’esterno di cassonetti e contenitori; l’approssimarsi della stagione estiva e del conseguente aumento delle temperature e dell’afflusso dei turisti, sia sul territorio comunale che in quelli limitrofi, determinano un aggravio della situazione”. Eseguiranno i controlli la polizia municipale e le altre forze dell’ordine e Asmiu le opportune attività di monitoraggio con le telecamere mobili.

ore: 16:52 | 

comments powered by Disqus