ore:  12:58 | Codice giallo per rischio idrogeologico-idraulico e temporali forti fino alle ore 20 di oggi domenica 21 giugno su tutto il territorio toscano

ore:  16:12 | Rete oncologica regionale, approvate le nuove Linee di indirizzo

ore:  13:18 | emessa allerta colore giallo per rischio idregeologico e temporali forti a partire dalle ore dalle ore 13.00 alle ore 18.00 di Giovedì, 11 Giugno 2020

ore:  13:30 | Emessa allerta colore Arancio per rischio idreogeologico e temporali forti a partire dalle ore 00.00 di giovedi 11 giugno alle ore 13.00 di giovedi 11 giugno 2020

ore:  15:04 | allerta di colore Giallo per rischio idreogeologico e temporali forti a partire dalle ore 13.00 Martedì, 09 Giugno alle ore 23.59 Mercoledì, 10 Giugno 2020

venerdì, 22 marzo, 2019

http://www.antenna3.tv/2019/03/22/sullo-sputo-alla-stele-primavera-de-massa-del-consigliere-comunale-alberti-interviene-stefano-benedetti/

Mediavideo Antenna3

SULLO SPUTO ALLA STELE “PRIMAVERA DE MASSA” DEL CONSIGLIERE COMUNALE ALBERTI INTERVIENE STEFANO BENEDETTI

di  Redazione web

Ho appreso dai quotidiani locali che, dopo l’atto vandalico compiuto la scorsa notte, all’ interno del Parco dei Quercioli, il Consigliere Comunale Stefano Alberti, si è vantato pubblicamente di aver  sputato sulla stele marmorea che rappresenta la poesia di Ubaldo Bellugi “ Primavera de Massa “, inaugurata, peraltro, ieri mattina alla presenza delle autorità, di un folto pubblico composto  da cittadini e dalla maggioranza dei Consiglieri Comunali di Massa.

Al di là del vile gesto d’imbrattamento per il quale mi auguro che le Forze dell’Ordine possano individuare chi l’ ha compiuto perseguendolo nelle opportune sedi giudiziarie, devo ammettere che sono rimasto costernato di fronte allo sfregio di Alberti che, in quanto consigliere comunale e quindi anche figura istituzionale, ha offeso in questo modo  tutta la nostra comunità e nel merito esprimo a nome di tutto il Consiglio Comunale la più ampia solidarietà ai parenti in vita  di Ubaldo Bellugi.

Vorrei chiarire che il vile e becero gesto del consigliere può essere assimilato al reato di vilipendio alla memoria, poiché nello sputare sopra la stele, dandone successiva pubblicità agli organi di informazione, ha offeso la memoria del poeta e di  tutti i suoi  parenti ancora in vita.

Mi auguro che la magistratura intervenga d’ufficio, avviando un’indagine tesa a denunciarlo ed a perseguirlo penalmente e civilmente, affinché nella nostra città non accadano più tali gravi ed incomprensibili azioni di vandalismo ed inciviltà. In tal caso la Presidenza del Consiglio Comunale si costituirà parte civile.

ore: 12:20 | 

comments powered by Disqus