ore:  15:12 | Maltempo, codice arancione per temporali, vento e mareggiate dalle 18 di oggi, giovedì, alle 20 di sabato 26 settembre

ore:  14:34 | Coronavirus: TOSCANA – 90 nuovi casi, 1 decesso, 93 guarigioni

ore:  13:02 | allerta colore Giallo per rischio idrogeologico idraulico e temporali forti a partire dalle ore 13.00 Mercoledì, alle ore 23.59 Giovedì, 24 Settembre 2020

ore:  14:57 | Codice giallo per pioggia e temporali fino alla mezzanotte di domani

ore:  13:02 | Maltempo, codice giallo per temporali forti fino alle 20 di oggi

martedì, 12 marzo, 2019

http://www.antenna3.tv/2019/03/12/opere-pubbliche-si-della-commissione-lavori-pubblici-al-piano-triennale-del-comune-di-massa/

Mediavideo Antenna3

Opere pubbliche. Sì della commissione lavori pubblici al piano triennale del comune di Massa

di  Redazione web

Il programma triennale delle opere pubbliche 2019-2021 approderà in consiglio comunale il prossimo 25 marzo, assieme al bilancio di previsione, intanto ha passato il vaglio della commissione Lavori pubblici. Anche se «il piano ogni anno può essere rivisto dal consiglio comunale se nel corso dell’anno emergono esigenze prioritarie» ha riferito l’ingegnere Fernando Della Pina alla commissione a cui ha illustrato l’atto assieme all’architetto Nicola Bellucci. Già presentato nelle scorse settimane dall’assessore Marco Guidi, si tratta di un programma sostanzioso che annuncia opere per circa 40 milioni di euro in tre anni tra risorse dell’ente, finanziamenti, bando delle periferie e project financing. L’amministrazione comunale prevede l’intervento dei privati per il parcheggio multipiano ed uffici all’ex intendenza di finanza per 4 milioni di euro, l’adeguamento e la messa in sicurezza del mercatino della Partaccia per 400 mila euro e 350 mila euro per il canile comunale da realizzarsi come indicato dallo strumento urbanistico in un’area verde tra via Massa Avenza e via Martiri di Cefalonia. Anche se non è un obbligo di legge, l’assessore ha deciso di inserire le opere essenziali sotto i 100 mila euro «per trasparenza e condivisione» ha detto il presidente della commissione Bruno Tenerani. Tra questi ci sono la riqualificazione dei marciapiedi di via Carducci, dalla rotatoria fino al ponte Francesconi per 70 mila euro; in questo caso però l’amministrazione attende Gaia spa «in ritardo di un anno e mezzo sulla realizzazione delle fognature nere per problematiche legate agli espropri; la strada è rovinata – ha ammesso l’ingegnere – ma non possiamo fare interventi risolutori perché metà strada verrebbe poi di nuovo manomessa da Gaia». E poi i parcheggi alla stazione, in via Venturini, a Ortola e Quercioli, «nuovi posti auto che daranno respiro» ha aggiunto Tenerani. Oltre al bando delle periferie, che da solo vale 23 milioni di euro, per il 2019 sono stati programmati: 200 mila euro per il risanamento della viabilità comunale, 150 mila euro per l’abbattimento delle barriere architettoniche, 300 mila euro per il risanamento dei ponti di via Trieste e di Castagnola, 100 mila euro per i cimiteri di Forno e Pariana, 250 mila euro per la manutenzione delle scuole. Per l’adeguamento antincendio delle scuole di Volpigliano, P. Ferrari, Ronchi, Alteta e La Salle, dovrebbero arrivare dal Mit, tramite Regione Toscana, 390 mila euro. Si attende solo il decreto del ministero. Nel programma delle opere sono inseriti anche i progetti con cui il comune ha partecipato al bando “Sport e periferie” per interventi al campo scuola, al campo di Romagnano e alla piscina di viale Roma. Qualche chiarimento anche sul teatro Guglielmi a cui sono destinati 350 mila euro: «aspettiamo che scadano i 30 giorni previsti dalla normativa superati i quali chiederemo spiegazioni sui ritardi» hanno detto i tecnici al consigliere Matteo Bertucci. Il progetto è stato depositato al comando provinciale dei vigili del fuoco, «lo hanno tenuto 120 giorni anziché 60», poi la pratica è passata alla commissione regionale e «se approva il progetto possiamo avviare la gara». Infine, il consigliere Matteo Bertucci (Persiani sindaco) ha chiesto indicazioni sulla variante Aurelia che non rientra nel piano perché le spese sarebbero tutte a carico di Anas, «manca la firma sull’atto, ma è stato rimesso in piedi l’ingranaggio» ha assicurato Della Pina.

ore: 20:03 | 

comments powered by Disqus