ore:  15:12 | Maltempo, codice arancione per temporali, vento e mareggiate dalle 18 di oggi, giovedì, alle 20 di sabato 26 settembre

ore:  14:34 | Coronavirus: TOSCANA – 90 nuovi casi, 1 decesso, 93 guarigioni

ore:  13:02 | allerta colore Giallo per rischio idrogeologico idraulico e temporali forti a partire dalle ore 13.00 Mercoledì, alle ore 23.59 Giovedì, 24 Settembre 2020

ore:  14:57 | Codice giallo per pioggia e temporali fino alla mezzanotte di domani

ore:  13:02 | Maltempo, codice giallo per temporali forti fino alle 20 di oggi

giovedì, 24 gennaio, 2019

http://www.antenna3.tv/2019/01/24/anche-bocelli-firma-per-petizione-europea-eatoriginal-cittadini-vogliono-conoscere-origine-prodotti-per-tutti-gli-alimenti/

Mediavideo Antenna3

ANCHE BOCELLI FIRMA PER PETIZIONE EUROPEA “EATORIGINAL”, CITTADINI VOGLIONO CONOSCERE ORIGINE PRODOTTI PER TUTTI GLI ALIMENTI

di  Redazione web

Anche Andrea Bocelli  è sceso in campo a sostegno della Iniziativa Europea promossa anche da Coldiretti. Il grande artista non ha voluto far mancare il suo straordinario acuto a testimonianza del legame col territorio di origine, la Toscana, dove tra l’altro produce dell’ottimo vino nella sua tenuta di Lajatico. “EatORIGINal – Unmask your food” è una iniziativa Europea dei cittadini promossa a Bruxelles da Coldiretti insieme ad altre nove organizzazioni per estendere l’obbligo di indicare in etichetta l’origine di tutti gli alimenti. Iniziativa che in questi giorni si sta allargando con la raccolta firme in tutto il Paese e che è proseguita, nella provincia di Massa Carrara, in occasione della Benedizione degli Animali al Santuario della Madonna dei Quercioli. Numerose le firme raccolte proprio ai Quercioli. “In questi anni sono stati fatti enormi passi in avanti ma ancora molto è necessario fare per evitare che ogni giorno rischino di finire nel piatto alimenti di bassa qualità e origine incerta che mettono a rischio la salute – spiega Francesca Ferrari, Presidente Coldiretti Massa Carrara – come dimostrano gli scandali alimentari globali dell’ultimo decennio. L’etichettatura di origine obbligatoria degli alimenti, battaglia storica di Coldiretti, è stata introdotta per la prima volta in tutti i Paesi dell’Unione Europea nel 2001 dopo l’emergenza mucca pazza nella carne bovina per garantire la trasparenza con la rintracciabilità e ripristinare un clima di fiducia”.

Di fronte alla richiesta di sempre più cittadini di etichette chiare ed origine certa l’atteggiamento dell’Europa è spesso “incerto e contraddittorio”: in etichetta deve infatti essere indicata l’origine delle uova ma questa regola non vale per esempio per gli ovoprodotti, così come vale per le carne fresca ma non per i salumi, per la frutta fresca e non per i succhi e le marmellate, per il miele e non per lo zucchero. Per spingere l’Unione Europea a completare il percorso nasce un fronte europeo per la trasparenza in etichetta con la raccolta di un milione di firme in almeno 7 Paesi dell’Unione. L’obiettivo è dare la possibilità a livello europeo di estendere l’obbligo di indicare l’origine in etichetta a tutti gli alimenti dopo che l’Italia, affiancata anche da Francia, Portogallo, Grecia, Finlandia, Lituania, Romania e Spagna, ha già adottato decreti nazionali per disciplinarlo in alcuni prodotti come latte e derivati, grano nella pasta e riso. “Con questa iniziativa chiediamo di migliorare la coerenza delle etichette, inserendo informazioni comuni nell’intera Unione circa la produzione e i metodi di trasformazione, al fine di garantire la trasparenza in tutta la catena alimentare – spiega Maurizio Fantini, Direttore Coldiretti Massa Carrara e Lucca – per questo invitiamo tutti i cittadini a scendere in campo al nostro fianco come ha fatto il maestro Bocelli”.

Le occasioni di sottoscrizione non mancano da tutti i mercati di Campagna Amica, alle sedi Coldiretti su tutto il territorio e in alternativa anche online sul sito: http://sceglilorigine.coldiretti.it

ore: 10:04 | 

comments powered by Disqus