ore:  12:58 | Codice giallo per rischio idrogeologico-idraulico e temporali forti fino alle ore 20 di oggi domenica 21 giugno su tutto il territorio toscano

ore:  16:12 | Rete oncologica regionale, approvate le nuove Linee di indirizzo

ore:  13:18 | emessa allerta colore giallo per rischio idregeologico e temporali forti a partire dalle ore dalle ore 13.00 alle ore 18.00 di Giovedì, 11 Giugno 2020

ore:  13:30 | Emessa allerta colore Arancio per rischio idreogeologico e temporali forti a partire dalle ore 00.00 di giovedi 11 giugno alle ore 13.00 di giovedi 11 giugno 2020

ore:  15:04 | allerta di colore Giallo per rischio idreogeologico e temporali forti a partire dalle ore 13.00 Martedì, 09 Giugno alle ore 23.59 Mercoledì, 10 Giugno 2020

venerdì, 30 novembre, 2018

http://www.antenna3.tv/2018/11/30/italia-nostra-il-degrado-delle-poste-di-massa/

Mediavideo Antenna3

Italia Nostra – IL DEGRADO DELLE POSTE DI MASSA

di  Redazione web

Uno dei più bei palazzi di Massa é senz’altro quello delle Poste.  Sorge  su un’area già acquistata dal Comune di Massa nel 1929, venne progettato e costruito dal  grande architetto Angiolo Mazzoni che terminò i  lavori nel 1933. Nel 1968 fu ampliato con varie aggiunte, tra cui un cortiletto rettangolare interno che ha la funzione di garantire l’ingresso ai piani superiori. L’edificio, che si trova vicino al Palazzo Comunale, insiste nel centro della città,  in angolo tra Via Democrazia e Viale E. Chiesa ed é dotato di una torre con orologio e un pennone porta bandiera, unico in tutta la provincia di Massa.

Purtroppo da qualche anno la struttura sta cadendo a pezzi: l’ingresso è coperto da una impalcatura metallica per proteggere i cittadini da eventuali cadute di materiali; la torre é stata interessata da lavori di messa in sicurezza che hanno visto l’eliminazione di alcune mattonelle marmoree, senza però provvedere alla loro sostituzione e lasciando così dei brutti buchi neri; l’orologio che dava l’ora alla città da anni non funziona; la bandiera italiana posta al sommo del pennone é stracciata e il giardinetto posto all’ingresso dell’edificio risulta pieno di cartacce e foglie morte, lasciando i due monumenti (la pecorina e il San Francesco) dello scultore massese Riccardo Rossi nel degrado più assoluto.

Italia Nostra lancia un forte grido di allarme perchè la proprietà intervenga al più presto per ripristinare questo  monumento, simbolo della città  e da tutti i cittadini  amato.

ore: 15:10 | 

comments powered by Disqus