ore:  12:58 | Codice giallo per rischio idrogeologico-idraulico e temporali forti fino alle ore 20 di oggi domenica 21 giugno su tutto il territorio toscano

ore:  16:12 | Rete oncologica regionale, approvate le nuove Linee di indirizzo

ore:  13:18 | emessa allerta colore giallo per rischio idregeologico e temporali forti a partire dalle ore dalle ore 13.00 alle ore 18.00 di Giovedì, 11 Giugno 2020

ore:  13:30 | Emessa allerta colore Arancio per rischio idreogeologico e temporali forti a partire dalle ore 00.00 di giovedi 11 giugno alle ore 13.00 di giovedi 11 giugno 2020

ore:  15:04 | allerta di colore Giallo per rischio idreogeologico e temporali forti a partire dalle ore 13.00 Martedì, 09 Giugno alle ore 23.59 Mercoledì, 10 Giugno 2020

mercoledì, 28 novembre, 2018

http://www.antenna3.tv/2018/11/28/erich-lucchetti-il-nostro-territorio-ha-bisogno-di-recuperare-certezze-e-valore-e-lunico-modo-per-poterci-riuscire-e-quello-di-favorire-lo-sviluppo-e-gli-investimenti-al-tessuto-produttivo/

Mediavideo Antenna3

Erich LUCCHETTI “Il nostro territorio ha bisogno di recuperare certezze e valore e l’unico modo per poterci riuscire è quello di favorire lo sviluppo e gli investimenti al tessuto produttivo…..”

di  Redazione web

Nota di Erich Lucchetti -Presidente Delegazione Confindustria Livorno – Massa Carrara

Ho letto in questi giorni alcuni articoli, che evidenziano idee, progetti reali o presunti, idee di rilancio “ambientale” del distretto delle Apuane e della Versilia. Certo non è mia intenzione entrare in polemica con punti di vista e opinioni differenti e distanti dalla mia. Ma in quanto portavoce delle aziende che operano nel territorio ed in particolare di quelle lapidee, e quindi degli oltre 8.000 lavoratori tra diretti, indiretti ed operatori dell’indotto che da queste attività traggono sostentamento per le loro famiglie, non posso esimermi dal pormi e dal porre un interrogativo. Cosa davvero vogliamo fare di questo territorio? Un museo a cielo aperto che nessuno visiterebbe? Una estesa fabbrica di disoccupazione o di degrado? Una immaginifica Disneyland del marmo dove al posto dei lavoratori collocare statue che cancellino anche la presenza delle navi?

Se quella espressa  fosse l’opinione dominante allora un risultato sarebbe certo e incontestabile: fare della Versilia e delle Apuane il primo effettivo simbolo di quella che curiosamente viene definita la “decrescita felice”.

Se questo è l’obiettivo dietro alla richiesta di chiusura delle cave, dietro al progetto di conversione delle banchine del porto in una parata di statue, dietro alla contrapposizione strumentale fra lavoro e tutela ambientale senza se e senza ma, dietro alla negazione del valore paesaggistico delle Apuane non in quanto colline rocciose bensì parte integrante della storia dell’uomo, allora qualcuno se ne assuma piena responsabilità.

Il nostro territorio ha bisogno di recuperare certezze e valore e l’unico modo per poterci riuscire è quello di favorire lo sviluppo e gli investimenti al tessuto produttivo esistente attraverso leggi e pianificazioni che stimolino e non che vincolino la crescita di tutte le attività che esistono e rappresentano non solo la nostra storia ma anche il nostro futuro.

Erich Lucchetti

Presidente Delegazione Carrara, Confindustria Livorno Massa Carrara

 

ore: 16:03 | 

comments powered by Disqus