ore:  12:58 | Codice giallo per rischio idrogeologico-idraulico e temporali forti fino alle ore 20 di oggi domenica 21 giugno su tutto il territorio toscano

ore:  16:12 | Rete oncologica regionale, approvate le nuove Linee di indirizzo

ore:  13:18 | emessa allerta colore giallo per rischio idregeologico e temporali forti a partire dalle ore dalle ore 13.00 alle ore 18.00 di Giovedì, 11 Giugno 2020

ore:  13:30 | Emessa allerta colore Arancio per rischio idreogeologico e temporali forti a partire dalle ore 00.00 di giovedi 11 giugno alle ore 13.00 di giovedi 11 giugno 2020

ore:  15:04 | allerta di colore Giallo per rischio idreogeologico e temporali forti a partire dalle ore 13.00 Martedì, 09 Giugno alle ore 23.59 Mercoledì, 10 Giugno 2020

domenica, 28 ottobre, 2018

http://www.antenna3.tv/2018/10/28/67335/

Mediavideo Antenna3

Pontremoli, evacuati due stabili, senza casa 19 persone Gli edifici sono in via Volpi e in via Garibaldi, problemi di infiltrazione d’acqua

di  Redazione web

La forte pioggia della tarda serata tra sabato 27 ottobre e domenica 28 ottobre ha provocato disagi e problemi soprattutto a Pontremoli, dove vi sono stati cumulati significativi (circa 200 millimetri, si calcola). I problemi maggiori sono stati in due edifici, che sono stati evacuati per precauzione: il primo, in via Volpi, dove il tetto mostrava infiltrazioni d’acqua, e così undici persone residenti nella palazzina sono state fatte evacuare. Problemi analoghi nella centralissima via Garibaldi, anche qui uno stabile è stato evacuato, 8 le persone fuori di casa. Per tutte sistemazioni da parenti, anche il Comune si è detto pronto a intervenire. Sul posto, Vigili del fuoco e protezione civile, nella giornate di domenica e lunedì saranno meglio valutate le condizioni, anche perché anche per questi due giorni è attesa pioggia. Chiuso per allagamenti il sottopasso del cimitero. Pontremoli al momento è la frazione più colpita dal maltempo in Lunigiana e nell’intera provincia di Massa-Carrara.

il tirreno

ore: 18:10 | 

comments powered by Disqus