ore:  12:45 | allerta codice Arancio per rischio idrogeologico e Temporali Forti, dalle ore 00.00 fino alle ore 06.00 di Martedì 05 Ottobre 2021.

ore:  17:28 | Meteo, il sindaco De Pasquale: «Grande preoccupazione». Allerta massimo nella notte di lunedì. Domani 4 ottobre scuole aperte.

ore:  16:44 | Previsioni meteo: weekend con la pioggia . Lunedì giornata ancora di piogge e nubifragi

ore:  14:14 | Allerta prorogata fino alle 13 di lunedì 27 settembre il “codice giallo” per temporali e rischio idrogeologico valido su tutto il territorio regionale toscano

ore:  11:50 | Emessa Allerta Gialla per Temporali Forti e Rischio Idrogeologico dalle 8;00 alle23:59  di Domenica 25 Settembre 2021.

sabato, 2 dicembre, 2017

http://www.antenna3.tv/2017/12/02/arresto-del-radiologo-del-noa-alcuni-agenti-in-borghese-si-sono-presentati-allospedale-e-lo-hanno-accompagnato-fuori-dopo-una-perquisizione/

Mediavideo Antenna3

Arresto del radiologo del Noa Alcuni agenti in borghese si sono presentati all’ospedale e lo hanno accompagnato fuori dopo una perquisizione

di  Redazione web

Blitz della polizia ieri mattina all’ospedale Noa, nei guai un medico radiologo. Gli agenti sono entrati e hanno poi accompagnato fuori il dottor Franco Sanguinetti, carrarese, che si trova in arresto. L’Usl Nord Ovest spiega che «in relazione all’inchiesta a carico del dottor Franco Sanguinetti, fa presente che l’indagine è partita da una contestazione e denuncia alla Procura, che fece al professionista, per comportamenti irregolari rispetto al rapporto di lavoro che potevano avere anche rilevanza penale». L’azienda sanitaria ha inoltre specificato che «in relazione ai provvedimenti a carico del dottor Franco Sanguinetti, non è a conoscenza se le misure prese dalla Procura a suo carico siano di tipo restrittivo della libertà».

Nel filone d’indagine potrebbero essere coinvolti anche altri soggetti. Ci sono due punti fermi nella vicenda: l’inchiesta parte da una denuncia, prima interna e poi alla polizia, del primario della diagnostica per immagini Tito Torri. La seconda certezza, come conferma l’Asl nel secondo comunicato, è che il «medico non è in servizio fino a nuova disposizione». Il procuratore di Massa-Carrara Aldo Giubilaro contattato ha spiegato di non volere rilasciare dichiarazioni. La direttrice generale della Usl Toscana nord ovest Maria Teresa De Lauretis spiega che «la denuncia l’aveva fatta il suo responsabile sulla gestione del contratto, la presenza e il rispetto corretto degli orari. Erano legate alla presenza sul posto di lavoro, noi però non sappiamo nulla delle indagini e siamo tenuti alla riservatezza». «Gli sono state fatte delle contestazioni – prosegue De Lauretis – lui aveva risposto. Lui non poteva lavorare fuori, è un intramoenia. Sono argomenti che possono avere profili penali noi per legge siamo tenuti a farlo presente».

Il suo responsabile, Tito Torri, spiega così quello che è successo all’interno dell’Asl e cosa aveva segnalato. «Si tratta di inadempienze amministrative come timbrare il cartellino e andare via, lavorare fuori essendo intramurale. Niente che possa portare a delle limitazioni della libertà, se c’è di più non lo so dire». E continua: «Io ho fatto una segnalazione generica alla squadra mobile all’inizio dell’anno. L’avevo richiamato più volte andando per le consuete vie disciplinari: richiamo verbale, richiamo scritto, poi sanzione pecuniaria e ancora consiglio di disciplina. E non se ne veniva mai a capo. Quindi ho denunciato che c’era questo tipo di comportamento e l’autorità avrà fatto delle indagini. È possibile che sia stato visto qualcosa di cui io non sono assolutamente al corrente. Sanguinetti è anche il direttore scientifico di una società che si chiama Radiologia Interventistica Toscana che ha sede a Carrara». I primi richiami verbali interni, prima della denuncia, sono partiti a metà del 2016. Che pian piano si sono trasformati fino a portare il caso al consiglio di disciplina. Poi la denuncia alla polizia. «Io sono il direttore e ho il compito di vigilare: se vedo qualcosa che non va e non  lo denuncio poi sono connivente. Era una cosa dovuta».

Gli inquirenti mantengono il più stretto riserbo sulla questione. Ci sono ancora degli accertamenti da fare. Il collega radiologo Lino Palla si dice «stupito, non so immaginare cosa possa essere successo. Posso soltanto dire che uno dei migliori professionisti che conosco, un’ottima persona. Le nostre sono strade parallele, ma si tratta di un professionista esemplare».

il tirreno

ore: 18:37 | 

comments powered by Disqus