ore:  14:01 | Ghiaccio, codice arancione per lunedì 15 febbraio su quasi tutta la Toscana

ore:  11:28 | Emessa allerta codice Giallo per Rischio Ghiaccio, dalle ore 20:00, di Sabato 13 Febbraio 2021, fino alle ore 12:00 e dalle ore 18:00 fino alle ore 23:59 di Domenica 14 Febbraio 2021

ore:  12:12 | allerta Gialla per Rischio Idrogeologico reticolo minore dalle ore 17:00 di Sabato 30 Gennaio, fino alle ore 02:00, di Domenica 31 Gennaio 2021;

ore:  12:38 | allerta Arancione per Ghiaccio dalle ore 18:00 di Lunedì 25 Gennaio 2021, fino alle ore 12:00, di Martedì 26 Gennaio 2021

ore:  12:48 | allerta Arancione per Mareggiate attualmente in corso fino alle ore 23:59 di Sabato 23 Gennaio 2021;Allerta gialla per rischio Idrogeologico reticolo minore, mareggiate e vento fino alle ore alle 23:59 Di Domenica 24 Gennaio 2021.

lunedì, 5 dicembre, 2016

http://www.antenna3.tv/2016/12/05/affluenza-record-qui-stravincono-i-no-sconfitta-lala-renziana-del-pd-apuano-a-massa-il-no-al-59-a-carrara-al-58-primarie-piu-lontante/

Mediavideo Antenna3

Affluenza record, qui stravincono i No Sconfitta l’ala renziana del Pd apuano. A Massa il no al 59%, a Carrara al 58%: primarie più lontante.

Affluenza alta, altissima, 70,14%, anche se la più bassa tra le provincie toscane. E chiara, chiarissima vittoria del No che ha reggunto il 58,17%, in linea con il dato nazionale ma in controtendenza rispetto alla dato regionale dove hanno prevalso di misura i Sì. La sintesi del voto referendario sulla riforma costituzionale a Massa Carrara è questa: semplice e univoca. Le conseguenze sulla politica locale di questo clamoroso pronunciamento, invece, sono tutte da vedere. Ma già qualcosa si può intuire dalle dichiarazioni a caldo di alcuni protagonisti della campagna elettorale. Si può prevedere, ad esempio, che le primarie per la scelta del candidato a sindaco di Carrara invocate da una parte del centrosinistra e dalla segreteria regionale Pd, e negate dall’assemblea comunale del Pd, sono da oggi più lontane. Si può supporre un ridimensionamento del peso del consigliere regionale ultrarenziano Giacomo Bugliani. Si può leggere nel voto un colpo al centrosinistra di governo (locale) quasi tutto schierato – almeno formalmente – per il Sì. E, di conseguenza, un’iniezione di fiducia per i 5 Stelle in vista delle elezioni a Carrara e per il centrodestra in cerca di rilancio e identità.

 Esultano alla sede dell’Arci di Massa dove Anpi, Rifondazione, Arci e Comitati per il No sono in attesa dei risultati. Nicola Cavazzuti, consigliere comunale di Rifondazione comunista non nasconde la sua soddisfazione. «Nettissimo risultato, anche a Massa. Questo voto, è evidente, segna la sconfitta dell’ala renziana del Pd, rafforza la linea della segreteria Tongiani. Diciamolo, oggi non c’è un partito democratico in provincia. La grande affluenza dice poi che la scelta di Rifondazione è stata giusta».

Il sindaco di Carrara Angelo Zubbani si era schierato per il Sì: «E lo avevo fatto con convinzione – dichiara – Un risultato di queste proporzioni del No deve fare sicuramente riflettere. È una grande protesta nazionale contro la politica del governo, un voto che esprime tutte le ansie del popolo italiano verso il futuro e verso il lavoro. E, soprattutto è un risultato che anche a livello locale merita una approfondita analisi»..

Egidio Pedrini, sindaco di Zeri e vicepresidente nazionale del Comitato per il No si dice «soddisfatto» e lancia una sua sfida: «Se avesse vinto il Sì mi sarei dimesso, oggi. Adesso chiamo i miei colleghi sindaci che hanno votato Sì a un atto di coerenza: di dimettersi. Se fosse passato il Sì – aggiunge Pedrini – non avrei potuto difendere gli acquedotti e l’acqua pubblica così preziosi per la nostra popolazione».

Martina Nardi, parlamentare del Pd, si è spesa in prima persona per il Sì. Non si aspettava – e lo ammette – un risultato così importante per il No: «Credevo che la partita si sarebbe giocata sul filo di lana, invece non è andata così. Il risultato ha effetti pesanti sulla politica nazionale, sul governo, sulle leggi ancora in discussione al Parlamento e, conseguentemente, sulla dimensione locale». Al Pd apuano la stoccata: «La sede del partito stasera (leggi: ieri) è chiusa, ci sono dirigenti che hanno fatto campagna per il No. Ora si apra il congresso».

L’ultima battuta dal fronte dei vincitori è di Paolo Gozzani, segretario provinciale della Cgil, uno che si è speso apertamente per il No: «Ha vinto la passione della partecipazione contro l’arroganza. E ha vinto l’idea del centrosinistra contro il partito della nazione. Anche la politica locale dovrà tenerne conto».

il tirreno

ore: 13:26 | 

comments powered by Disqus