ore:  10:55 | allerta codice giallo per rischio idrogeologico idraulico reticolo minore e temporali forti dalle ore 22.00 di Giovedì 15 Ottobre alle ore 10.00 di Venerdì 16 Ottobre 2020

ore:  12:40 | allerta codice giallo per rischio idrogeologico idraulico reticolo minore dalle ore 18.00 di Mercoledì 14 Ottobre alle ore 13.00 di Giovedì 15 Ottobre 2020

ore:  14:14 | Esteso a domani allerta meteo di codice ‘giallo’. Attesi anche forti venti nell’area fiorentina

ore:  13:40 | allerta colore giallo per rischio idrogeologicoidraulico- temporali forti -mareggiate e vento a partire dalle ore 20.00 Martedì, 06 Ottobre alle ore 12.00 Mercoledì, 07 Ottobre 2020

ore:  14:05 | ALLERTA ARANCIONE DALLE 18 D OGGI ALLE 6 DI DOMATTINA LUNEDI 5 OTTOBRE

giovedì, 24 novembre, 2016

http://www.antenna3.tv/2016/11/24/benedetti-interpellanza-sul-centro-storico-di-massa/

Mediavideo Antenna3

Benedetti: Interpellanza sul Centro Storico di Massa

di  Redazione web

La notizia del trasferimento della Farmacia Ramacciotti fuori  dal centro storico di Massa non é sicuramente delle più allietanti e conferma in tutto il suo aspetto peggiore il fallimento dell’ attuale Amministrazione  Comunale incapace di reagire e di creare i presupposti per un rilancio della zona. Carenza di parcheggi, Zona a Traffico Limitato, troppi stalli a pagamento, rischio sanzioni, degrado e insicurezza e scarsi servizi pubblici,  spingono i cittadini verso altri lidi come i centri commerciali, trasformando l’intera zona in una cattedrale nel deserto. Entro la fine dell’ anno si abbasseranno le saracinesche di attività storiche come la Fidalma di Piazza Mercurio, mentre alla Martana hanno già chiuso la Trattoria Astolfo e il Consorzio, per non parlare di Piazza Bastione diventata una zona isolata e poco frequentata. Insomma, la città si spopola a favore di altri centri limitrofi maggiormente appetibili e per gli acquisti i cittadini preferiscono rivolgersi alla Grande Distribuzione e purtroppo di fronte a ciò anche le associazioni  e i CCN si sono arresi non riuscendo più ad organizzare eventi che possano attirare le persone. Nel merito, il Sindaco aveva garantito una serie di iniziative che ” puntualmente” non sono arrivate, come la sospensione della ZTL la mattina o i parcheggi  gratuiti durante le feste natalizie, di cui, ormai, non si parla già più da giorni.Di fronte a questo triste scenario,  il degrado la fa da padrone e lo sporco regna sovrano in ogni angolo della città, oltre naturalmente la sicurezza che non viene più garantita soprattutto nelle ore notturne quando orde di giovani ubriachi continuano imperterriti a urlare, vomitare e orinare per le strade del centro, mentre l’unica iniziativa messa in campo, denominata amichevolmente  ” Il Patto per la Notte” é fallita totalmente. Quindi, fallimenti ed incapacità hanno segnato l’infelice cammino del Sindaco Volpi  e della sua giunta comunale formata da dilettanti della politica allo sbaraglio che oggi dovrebbero avere la dignità di dimettersi per aver causato seri danni alla comunità  e all’ economia, per ultimo la dichiarazione pubblica del Sindaco che non gradisce il turismo russo… e con ciò ho detto tutto.

Egregio Sindaco,

La Interpello a nome di tanti commercianti e cittadini che mi hanno contattato in questi giorni,  per chiederLe se non ritiene di aver causato fin troppi danni alla nostra città, dimostrando una particolare incapacità ad amministrare sotto tutti i punti di vista e nella fattispecie per non essere riuscito a rilanciare il centro storico.

Le chiedo, inoltre, se non ritiene che sia comunque necessario emettere dei provvedimenti e intraprendere delle serie iniziative per tentare di salvare il salvabile, come, ad esempio, concedere i parcheggi gratuiti h24 per tutto il periodo natalizio, con la sospensione della ZTL per tutta la mattina, oltre, naturalmente, ad applicare degli sgravi fiscali e sconti sui servizi  ai commercianti del centro storico già fin troppo vessati dal comune e penalizzati dalla vostra incapacità.

Stefano Benedetti

Consigliere Comunale

ore: 13:49 | 

comments powered by Disqus