ore:  10:55 | allerta codice giallo per rischio idrogeologico idraulico reticolo minore e temporali forti dalle ore 22.00 di Giovedì 15 Ottobre alle ore 10.00 di Venerdì 16 Ottobre 2020

ore:  12:40 | allerta codice giallo per rischio idrogeologico idraulico reticolo minore dalle ore 18.00 di Mercoledì 14 Ottobre alle ore 13.00 di Giovedì 15 Ottobre 2020

ore:  14:14 | Esteso a domani allerta meteo di codice ‘giallo’. Attesi anche forti venti nell’area fiorentina

ore:  13:40 | allerta colore giallo per rischio idrogeologicoidraulico- temporali forti -mareggiate e vento a partire dalle ore 20.00 Martedì, 06 Ottobre alle ore 12.00 Mercoledì, 07 Ottobre 2020

ore:  14:05 | ALLERTA ARANCIONE DALLE 18 D OGGI ALLE 6 DI DOMATTINA LUNEDI 5 OTTOBRE

mercoledì, 28 settembre, 2016

http://www.antenna3.tv/2016/09/28/migranti-accoglienza-a-rischio-lallarme-di-confcooperative-toscana-non-riceviamo-soldi-dal-ministero-da-4-mesi-in-toscana-sono-25-le-cooperative-che-si-occupano-dell/

Mediavideo Antenna3

Migranti, accoglienza a rischio. L’allarme di Confcooperative Toscana: “Non riceviamo soldi dal Ministero da 4 mesi” In Toscana sono 25 le cooperative che si occupano dell’ospitalità

di  Redazione web

Accoglienza profughi, Confcooperative Toscana lancia l’allarme al ministero dell’Interno: “Le nostre cooperative non ricevono soldi dalle Prefetture da 4 mesi, se i ritardi perdureranno ancora, sarà difficile riuscire a garantire la stessa assistenza ai richiedenti asilo accolti nelle nostre strutture”.

Queste le parole di Fabio Palmieri, presidente di Federsolidarietà – Confcooperative Toscana.

In Toscana sono 25 le cooperative che si occupano dell’ospitalità dei migranti provenienti dal Sud Italia. Complessivamente, i richiedenti asilo accolti sono 2.350.

E’ un ritardo preoccupante – spiega Palmieri – che mette in difficoltà le nostre cooperative, costrette ad anticipare di tasca propria le risorse. La situazione non può durare a lungo, il rischio concreto è che, senza risorse, le cooperative non riescano a fronteggiare le spese, e quindi dovranno rinunciare a pagare gli stipendi ai propri dipendenti. Ne risentirà l’accoglienza dei migranti sul territorio toscano, che rischieranno di trovarsi senza l’assistenza adeguata”.

ore: 17:41 | 

comments powered by Disqus