ore:  11:45 | Maltempo, codice giallo per temporali e rischio idrogeologico per tutta la regione

ore:  10:55 | allerta codice giallo per rischio idrogeologico idraulico reticolo minore e temporali forti dalle ore 22.00 di Giovedì 15 Ottobre alle ore 10.00 di Venerdì 16 Ottobre 2020

ore:  12:40 | allerta codice giallo per rischio idrogeologico idraulico reticolo minore dalle ore 18.00 di Mercoledì 14 Ottobre alle ore 13.00 di Giovedì 15 Ottobre 2020

ore:  14:14 | Esteso a domani allerta meteo di codice ‘giallo’. Attesi anche forti venti nell’area fiorentina

ore:  13:40 | allerta colore giallo per rischio idrogeologicoidraulico- temporali forti -mareggiate e vento a partire dalle ore 20.00 Martedì, 06 Ottobre alle ore 12.00 Mercoledì, 07 Ottobre 2020

domenica, 4 settembre, 2016

http://www.antenna3.tv/2016/09/04/sequestrate-70-kg-di-cozze-erano-state-pescate-in-porto-gettate-di-nuovo-in-mare/

Mediavideo Antenna3

Sequestrate 70 kg di cozze. Erano state pescate in porto, gettate di nuovo in mare

di  Redazione web

La Guardia Costiera ha sequestrato a Viareggio oltre 70 chili di cozze raccolte in zona vietata e conservati in condizioni precarie. Dopo aver notato movimenti sospetti all’altezza dei pontili 5 e 6 dell’approdo turistico denominato La Madonnina, in concessione alla Viareggio porto Spa, i militari hanno colto sul fatto tre uomini, intenti alla pesca di mitili. Alla vista del mezzo navale della Guardia Costiera, i tre sono fuggiti tra i pontili, abbandonando i prodotti già raccolti, oltre 70 kg di cozze custodite in 3 grosse borse ed un contenitore di plastica. I prodotti ittici, raccolti in zona vietata e conservati in precarie condizioni igienico sanitarie, sono stati sottoposti a sequestro amministrativo e poi rigettati in mare. Presumibilmente, vista l’ingente quantità sequestrata, le cozze erano destinate ad essere vendute ed a finire sulle tavole dei consumatori, in totale violazione delle norme poste a garanzia della qualità e della rintracciabilità dei prodotti ittici.

ansa

ore: 12:19 | 

comments powered by Disqus