ore:  10:55 | allerta codice giallo per rischio idrogeologico idraulico reticolo minore e temporali forti dalle ore 22.00 di Giovedì 15 Ottobre alle ore 10.00 di Venerdì 16 Ottobre 2020

ore:  12:40 | allerta codice giallo per rischio idrogeologico idraulico reticolo minore dalle ore 18.00 di Mercoledì 14 Ottobre alle ore 13.00 di Giovedì 15 Ottobre 2020

ore:  14:14 | Esteso a domani allerta meteo di codice ‘giallo’. Attesi anche forti venti nell’area fiorentina

ore:  13:40 | allerta colore giallo per rischio idrogeologicoidraulico- temporali forti -mareggiate e vento a partire dalle ore 20.00 Martedì, 06 Ottobre alle ore 12.00 Mercoledì, 07 Ottobre 2020

ore:  14:05 | ALLERTA ARANCIONE DALLE 18 D OGGI ALLE 6 DI DOMATTINA LUNEDI 5 OTTOBRE

mercoledì, 27 luglio, 2016

http://www.antenna3.tv/2016/07/27/parte-la-battaglia-dei-sindacati-contro-il-riordino-e-i-tagli-alle-camere-di-commercio-con-la-bozza-del-decreto-legislativo-gli-enti-in-toscana-perderanno-400-lavoratori/

Mediavideo Antenna3

PARTE LA BATTAGLIA DEI SINDACATI CONTRO IL RIORDINO E I TAGLI ALLE CAMERE DI COMMERCIO. CON LA BOZZA DEL DECRETO LEGISLATIVO, GLI ENTI IN TOSCANA PERDERANNO 400 LAVORATORI

di  Redazione web

Continuano i tagli negli enti pubblici, prosegue la riorganizzazione iniziata con la trasformazione delle province in enti di secondo livello. Ora tocca alle Camere di Commercio il cui riordino sarà discusso dal Governo nei prossimi giorni. La bozza del decreto legislativo prevede la riduzione da 105 a 60 enti camerali in tutta Italia, la chiusura degli uffici periferici, il taglio lineare dei dipendenti e delle risorse fino al 50%, la riduzione delle funzioni. Chi verrà dichiarato esubero potrà ricorrere solo alla mobilità, non è previsto nessun riassorbimento o trasferimento in altri enti. L’accorpamento delle sedi porterà 200 esuberi, su un totale di 700 lavoratori, in tutta la Toscana, da sommare ad altri 200 esuberi del personale delle aziende speciali che collaborano con gli enti. Per Massa Carrara si parla di sei unità dalla fine dell’anno per arrivare ad un massimo del 40% dei 40 lavoratori totali. Una situazione disastrosa per il territorio apuano dove le vertenze e i disoccupati ormai non si contano più. I numeri forniti dai sindacati, tra l’altro, non prevedono i dipendenti delle aziende degli appalti che tra chiusure e accorpamenti vedranno calare le commesse. Sul tema, venerdì ci saranno assemblee unitarie di Cgil-Cisl-Uil e dei lavoratori in tutte le Camere di Commercio toscane. Saranno chiamati ad intervenire parlamentari, consiglieri regionali, sindaci, rappresentanti datoriali. Saranno poi le assemblee che valuteranno in autonomia se procedere a stati di occupazione o a presidi per sensibilizzare la popolazione. “Non permetteremo al Governo di approvare provvedimenti scellerati e dannosi per i servizi e per i lavoratori – dicono Cgil, Cisl, Uil e Rsu – saremo presenti per impedire lo sfascio della pubblica amministrazione”.

ore: 20:27 | 

comments powered by Disqus