ore:  10:55 | allerta codice giallo per rischio idrogeologico idraulico reticolo minore e temporali forti dalle ore 22.00 di Giovedì 15 Ottobre alle ore 10.00 di Venerdì 16 Ottobre 2020

ore:  12:40 | allerta codice giallo per rischio idrogeologico idraulico reticolo minore dalle ore 18.00 di Mercoledì 14 Ottobre alle ore 13.00 di Giovedì 15 Ottobre 2020

ore:  14:14 | Esteso a domani allerta meteo di codice ‘giallo’. Attesi anche forti venti nell’area fiorentina

ore:  13:40 | allerta colore giallo per rischio idrogeologicoidraulico- temporali forti -mareggiate e vento a partire dalle ore 20.00 Martedì, 06 Ottobre alle ore 12.00 Mercoledì, 07 Ottobre 2020

ore:  14:05 | ALLERTA ARANCIONE DALLE 18 D OGGI ALLE 6 DI DOMATTINA LUNEDI 5 OTTOBRE

lunedì, 25 luglio, 2016

http://www.antenna3.tv/2016/07/25/in-centinaia-per-laddio-alla-giornalista-letizia-leviti-sulla-bara-i-disegni-di-figli/

Mediavideo Antenna3

In centinaia per l’addio a Letizia Leviti: sulla bara i disegni dei figli

di  Redazione web

Un inno alla vita nel giorno della morte. Certo c’era grande commozione tra le centinaia di persone che si sono riversate nella chiesa di San Nicolò per l’addio a Letizia Leviti, grande giornalista tv , scrittrice, madre di tre figli. Una donna di carattere che ci ha lasciato a soli 45 anni per un male incurabile e le cui parole, un messaggio registrato, dicono molto del modo in cui ha vissuto: sempre attiva, curiosa, molto attenta ai bisogni e alle storie della gente. Una disponibilità immensa quella di Letizia, letizia bara maritoche ha lasciato il segno in chi ha avuto la fortuna di conoscerla e magari di lavorarci.

Dai colleghi di Sky (c’erano, tra gli altri, o in chiesa l’ex direttore Emilio Carelli, il collega inviato Andrea Bonini) a quelli della carta stampata, ma anche organizzatori di grandi eventi come il Bancarella di Pontremoli o Convivere, dove Letizia era di casa nelle sue vesti di conduttrice. Tra i presenti, tra i sindaci lunigianesi Folloni, Mastrini, l’ex Vatteroni, Manenti, per Carrara la Giovanna Bernardini, anche il primo cittadino di Firenze Dario Nardella. E poi il procuratore Aldo Giubilaro, il sottosegretario Cosimo Ferri con i fratelli Jacopo e Filippo. Insomma una forte presenza anche delle istituzioni per stare vicino alla famiglia.

 In chiesa Letizia lascia un messaggio forte, un messaggio d’amore per il suo lavoro, lavoro di verità, e per la vita. Come forte è stata l’omelia di don Piero Cantoni che ha coadiuvato l’officiante don Marco Gentili. E se uscendo dalla chiesa ecco le note di Vivere di Vasco Rossi, non è certo un caso. «La mia vita è stata una grande storia d’amore», ha fatto scrivere a mo’ di epitaffio Letizia sui manifesti. E amore è stato, per il lavoro, per la sua famiglia.

letizia funeraleLetizia ci ha chiesto di andare oltre, di pensare alla vita vera in tempi non sospetti, vien da dire. Ci propone una riflessione. Ha certamente ragione, ci penseremo, ma ora è dura e viene più da piangere che pensare, cara Letizia.

il tirreno

ore: 16:50 | 

comments powered by Disqus