ore:  10:55 | allerta codice giallo per rischio idrogeologico idraulico reticolo minore e temporali forti dalle ore 22.00 di Giovedì 15 Ottobre alle ore 10.00 di Venerdì 16 Ottobre 2020

ore:  12:40 | allerta codice giallo per rischio idrogeologico idraulico reticolo minore dalle ore 18.00 di Mercoledì 14 Ottobre alle ore 13.00 di Giovedì 15 Ottobre 2020

ore:  14:14 | Esteso a domani allerta meteo di codice ‘giallo’. Attesi anche forti venti nell’area fiorentina

ore:  13:40 | allerta colore giallo per rischio idrogeologicoidraulico- temporali forti -mareggiate e vento a partire dalle ore 20.00 Martedì, 06 Ottobre alle ore 12.00 Mercoledì, 07 Ottobre 2020

ore:  14:05 | ALLERTA ARANCIONE DALLE 18 D OGGI ALLE 6 DI DOMATTINA LUNEDI 5 OTTOBRE

giovedì, 21 luglio, 2016

http://www.antenna3.tv/2016/07/21/due-ipotesi-sul-tappeto-per-risolvere-la-questione-del-118-aullese/

Mediavideo Antenna3

due ipotesi sul tappeto per risolvere la questione del 118 aullese

di  Redazione web

Il dibattito che si è sviluppato negli ultimi mesi relativo agli spazi definiti “angusti” dell’ambulatorio in cui si trova ad operare il personale medico-infermieristico del Punto di Primo Soccorso del P.E.T. 118 aullese, la cui sede è ubicata, dal marzo dello scorso anno, presso la Casa della Salute di Aulla, ci ha spinto ad una doverosa riflessione ed a raccogliere le legittime rimostranze degli utenti, verso i quali abbiamo precisi doveri di chiarezza e che costituiscono, peraltro, un bacino di utenza di circa 25mila abitanti, portandoci ad ipotizzare due possibili provvedimenti rapidamente eseguibili in attesa di soluzioni migliori quando si renderanno disponibili altri spazi.

Vogliamo premettere una volta ancora che la finalità dei Punti di Primo Soccorso situati all’interno dei Punti di Emergenza Territoriale del Sistema 118 è quella di ridurre l’accesso di cittadini affetti da lievi patologie ai Pronto Soccorso Ospedalieri, in virtù della disponibilità di un medico del 118 non sempre impegnato in missioni istituzionali di emergenza/urgenza sul territorio (come disposto dalla Regione Toscana con la Delibera della Giunta Regionale n. 507/2007).

A questo proposito è fondamentale sottolineare quali sono le lievi sintomatologie che possono essere trattate presso un PPS:

congiuntivite; corpo estraneo congiuntivale; patologie prime vie aeree; otalgie; dolore articolazione temporo – mandibolare; dolore alveolo – dentario; gengivo – stomatite; costocondrite; ingestione di corpo estraneo; gastroenterite non complicata; cistite; ritenzione urinaria; dolore mestruale; dolori muscolari; contusioni e distorsioni minori; sintomatologie algiche osteo – articolari; lacerazione semplice; profilassi antitetanica; suture di brevi ferite (lineari e non estetiche); punture da animali marini ed insetti; ferite superficiali da non suturare; abrasioni; dermatiti da contatto; ustioni da mezzi fisici e chimici, fino al 2° grado, di piccola estensione; orticaria; crisi di panico.

 

Ribadito questo aspetto essenziale, esponiamo la prima ipotesi: essa prevederebbe lo spostamento del solo ambulatorio del Punto di Primo Soccorso (PPS) presso la sede della Pubblica Assistenza “Croce Bianca” di Aulla.

Il PPS verrebbe gestito dall’altro medico del 118 presente ad Aulla (che si trova proprio all’interno dei locali della Pubblica Assistenza ed è addetto al Trasporto Assistito della Zona della Lunigiana) con orario 8-20; resterebbe, invece, invariata la sede logistica del P.E.T. e dell’attuale equipaggio (medico + infermiere con automedica h24) presso la CdS.

Questa soluzione consentirebbe:

 di avere locali più ampi per il PPS (era la vecchia e collaudata sede antecedente allo spostamento

dell’equipaggio dell’automedica presso la CdS);

 di mantenere il turno infermieristico notturno, poiché l’equipaggio medico/infermiere su

automedica rimarrebbe all’interno della Casa della Salute di Aulla e, quindi, questa figura

professionale che è attualmente sostenibile solo grazie ad un finanziamento che ne prevede un

utilizzo integrativo nel “chronic care model” (un modello di assistenza medica dei pazienti affetti

da malattie croniche che può essere operativo solo presso la Casa della Salute) non verrebbe

messa in discussione.

 

La seconda ipotesi, invece, prevederebbe lo spostamento di tutto il personale del P.E.T. (medico ed infermiere dell’automedica) e dell’ambulatorio del PPS presso la sede della Pubblica Assistenza di Aulla, ove già opera l’altro medico 118 dedicato al trasporto assistito della Lunigiana; ciò comporterebbe, però, la perdita dell’infermiere notturno a bordo dei mezzi, poiché questa figura, come detto precedentemente, è legata all’attività integrativa per il “chronic care model”.

Si tornerebbe, quindi, ad un assetto che vede l’automedica con medico + infermiere solo in orario diurno e un’ambulanza con medico a bordo in orario notturno

  Il Direttore Generale ASL Nord Ovest

Dott.ssa Maria Teresa De Lauretis

ore: 20:12 | 

comments powered by Disqus