ore:  14:01 | Ghiaccio, codice arancione per lunedì 15 febbraio su quasi tutta la Toscana

ore:  11:28 | Emessa allerta codice Giallo per Rischio Ghiaccio, dalle ore 20:00, di Sabato 13 Febbraio 2021, fino alle ore 12:00 e dalle ore 18:00 fino alle ore 23:59 di Domenica 14 Febbraio 2021

ore:  12:12 | allerta Gialla per Rischio Idrogeologico reticolo minore dalle ore 17:00 di Sabato 30 Gennaio, fino alle ore 02:00, di Domenica 31 Gennaio 2021;

ore:  12:38 | allerta Arancione per Ghiaccio dalle ore 18:00 di Lunedì 25 Gennaio 2021, fino alle ore 12:00, di Martedì 26 Gennaio 2021

ore:  12:48 | allerta Arancione per Mareggiate attualmente in corso fino alle ore 23:59 di Sabato 23 Gennaio 2021;Allerta gialla per rischio Idrogeologico reticolo minore, mareggiate e vento fino alle ore alle 23:59 Di Domenica 24 Gennaio 2021.

venerdì, 10 giugno, 2016

http://www.antenna3.tv/2016/06/10/mastrini-gaia-presidenza-a-massa-avanti-con-le-logiche-spartitorie-ad-ottobre-chiederemo-ai-cittadini-di-votare-luscita-da-gaia/

Mediavideo Antenna3

Mastrini: Gaia, presidenza a Massa: “Avanti con le logiche spartitorie. Ad Ottobre chiederemo ai cittadini di votare l’uscita da Gaia”

di  Redazione web

“I piccoli Comuni hanno l’80% del territorio e dei problemi: non è giusto non siano coinvolti nelle scelte”.
A dettare legge i Comuni che detengono il 60% delle quote:
“Carrara, Massa e Viareggio vogliono decidere per tutti, ma avere più quote non significa avere più problemi di gestione del territorio”.
Molto criticata anche la scelta dei membri nuovo Cda, presa a  porte chiuse e portata in Assemblea: “La politica delle logiche spartitorie ci ha stancato: l’acqua pubblica non serve a nominare rappresentanti, ma garantire un servizio a basso costo ai cittadini. Gaia fa esattamente il contrario”.
Nuovo Presidente Colle, Vice Martinengo.
La pressione di Matteo Mastrini, che nei giorni scorsi aveva chiesto di rivedere le indennità porta un primo risultato: i membri del Cda passano da cinque a tre, gli emolumenti da 88 a 66 mila Euro: “Per me sono sempre troppi, ma apprezzo il segnale”.
Ora i Comuni saranno chiamati a deliberare l’atto di rinuncia al percorso di ingiunzione nei confronti di Gaia: “Noi non lo approveremo”.
Sulle scelte per il futuro Mastrini è chiaro: “Chi ha ridotto Gaia così ora pretende garanzie. Noi rappresentiamo i cittadini: questi signori dovrebbero capire che la popolazione è stanca di promesse e paga i frutti delle scelte sbagliate”

ore: 17:25 | 

comments powered by Disqus