ore:  14:01 | Ghiaccio, codice arancione per lunedì 15 febbraio su quasi tutta la Toscana

ore:  11:28 | Emessa allerta codice Giallo per Rischio Ghiaccio, dalle ore 20:00, di Sabato 13 Febbraio 2021, fino alle ore 12:00 e dalle ore 18:00 fino alle ore 23:59 di Domenica 14 Febbraio 2021

ore:  12:12 | allerta Gialla per Rischio Idrogeologico reticolo minore dalle ore 17:00 di Sabato 30 Gennaio, fino alle ore 02:00, di Domenica 31 Gennaio 2021;

ore:  12:38 | allerta Arancione per Ghiaccio dalle ore 18:00 di Lunedì 25 Gennaio 2021, fino alle ore 12:00, di Martedì 26 Gennaio 2021

ore:  12:48 | allerta Arancione per Mareggiate attualmente in corso fino alle ore 23:59 di Sabato 23 Gennaio 2021;Allerta gialla per rischio Idrogeologico reticolo minore, mareggiate e vento fino alle ore alle 23:59 Di Domenica 24 Gennaio 2021.

domenica, 5 giugno, 2016

http://www.antenna3.tv/2016/06/05/detenuto-di-39-anni-si-impicca-in-cella-era-recluso-nel-carcere-di-massa-per-reati-relativi-alla-tossicodipendenza/

Mediavideo Antenna3

Detenuto di 39 anni si impicca in cella Era recluso nel carcere di Massa per reati relativi alla tossicodipendenza.

di  Redazione web

Un detenuto italiano di 39 anni, in carcere per reati legati alla tossicodipendenza, si è tolto la vita nella serata di sabato 4 giugno impiccandosi alle sbarre della propria cella, con un lenzuolo appositamente legato. Lo rende noto il sindacato di polizia penitenziaria Sappe. “A poche ore dal tentato suicidio di un detenuto straniero nel carcere di Lucca, sventato in tempo dagli uomini della polizia penitenziaria – si legge in una nota – giunge la triste notizia che nella Casa di reclusione di Massa un detenuto italiano si è impiccato in cella”.

“A nulla sono valsi gli interventi tempestivi del personale di Polizia Penitenziaria – spiega Pasquale Salemme, segretario regionale Sappe per la Toscana – che, nell’occasione, praticava anche le prime manovre di pronto soccorso. Nonostante le attività di rianimazione poste un essere dai sanitari dell’istituto, nonché dal servizio del 118, il detenuto cessava di vivere. Aveva appena 39 anni ed era padre di due figli. Figli che, il tribunale dei minori, non gli aveva consentito di vedere per ovvie ragioni di opportunità. Forse, è stata proprio questa la causa del suo gesto inconsulto che gli è costato la vita”.

 

il tirreno

ore: 20:01 | 

comments powered by Disqus