ore:  10:55 | allerta codice giallo per rischio idrogeologico idraulico reticolo minore e temporali forti dalle ore 22.00 di Giovedì 15 Ottobre alle ore 10.00 di Venerdì 16 Ottobre 2020

ore:  12:40 | allerta codice giallo per rischio idrogeologico idraulico reticolo minore dalle ore 18.00 di Mercoledì 14 Ottobre alle ore 13.00 di Giovedì 15 Ottobre 2020

ore:  14:14 | Esteso a domani allerta meteo di codice ‘giallo’. Attesi anche forti venti nell’area fiorentina

ore:  13:40 | allerta colore giallo per rischio idrogeologicoidraulico- temporali forti -mareggiate e vento a partire dalle ore 20.00 Martedì, 06 Ottobre alle ore 12.00 Mercoledì, 07 Ottobre 2020

ore:  14:05 | ALLERTA ARANCIONE DALLE 18 D OGGI ALLE 6 DI DOMATTINA LUNEDI 5 OTTOBRE

venerdì, 3 giugno, 2016

http://www.antenna3.tv/2016/06/03/vuole-passare-davanti-agli-altri-pazienti-botte-al-pronto-soccorso/

Mediavideo Antenna3

Vuole passare davanti agli altri pazienti, botte al pronto soccorso

di  Redazione web

Una notte di ordinaria follia quella che ha preceduto la giornata di festa del 2 giugno. All’ospedale Noa si è presentato un quarantenne massese in evidente stato di ebbrezza e ha scatenato il pandemonio: sono dovuti intervenire polizia e carabinieri per riportare la calma, ma c’è voluta tutta l’esperienza delle forze dell’ordine ha far concludere l’intervento senza che nessuno si facesse male. O quali. Un militare e un agente sono dovuti ricorrere alle cure mediche, ma la prognosi non è grave e se la caveranno con due o tre giorni di assoluto riposo.

Tutto è cominciato verso mezzanotte: l’uomo aveva un dolore al costato e voleva essere visitato prima degli altri pazienti che si trovavano in sala d’attesa. Ma le sue condizioni non sono state considerate così gravi come credeva lui e così gli infermieri e il medico di turno gli hanno detto di pazientare un attimo perché dovevano visitare gli altri. Ed è qui che il quarantenne ha perso la testa. Voleva prendere a pugni il dottore, ma un operatore sanitario gli ha impedito di centrare il bersaglio. A quel punto è partita la telefonata al centralino dei carabinieri ed è intervenuta la prima pattuglia. L’uomo è persona conosciuta alle forze dell’ordine e così quando i militari hanno scoperto di chi si trattava – ha già danneggiato diversi locali in città a causa degli scatti di ira – hanno chiesto rinforzi. E oltre ai colleghi del radiomobile è arrivata al Noa anche una volante della polizia. ma non è stato semplice lo stesso fermare il quarantenne, che nel frattempo aveva letteralmente creato lo scompiglio. Tanto che un paio di pazienti hanno preferito uscire per non rischiare di essere coinvolti nella gazzarra.

il tirreno

ore: 15:49 | 

comments powered by Disqus