ore:  10:55 | allerta codice giallo per rischio idrogeologico idraulico reticolo minore e temporali forti dalle ore 22.00 di Giovedì 15 Ottobre alle ore 10.00 di Venerdì 16 Ottobre 2020

ore:  12:40 | allerta codice giallo per rischio idrogeologico idraulico reticolo minore dalle ore 18.00 di Mercoledì 14 Ottobre alle ore 13.00 di Giovedì 15 Ottobre 2020

ore:  14:14 | Esteso a domani allerta meteo di codice ‘giallo’. Attesi anche forti venti nell’area fiorentina

ore:  13:40 | allerta colore giallo per rischio idrogeologicoidraulico- temporali forti -mareggiate e vento a partire dalle ore 20.00 Martedì, 06 Ottobre alle ore 12.00 Mercoledì, 07 Ottobre 2020

ore:  14:05 | ALLERTA ARANCIONE DALLE 18 D OGGI ALLE 6 DI DOMATTINA LUNEDI 5 OTTOBRE

mercoledì, 11 maggio, 2016

http://www.antenna3.tv/2016/05/11/in-centinaia-al-corteo-di-addio-a-carlo-loperaio-del-marmo-morto-a-massa/

Mediavideo Antenna3

In centinaia al corteo di addio a Carlo, l’operaio del marmo morto a Massa

di  Redazione web

C’era rabbia, oltreché tristezza, davanti all’obitorio di Massa. E’ qui che sono stati celebrati i funeali di Carlo Morelli, l’operaio morto schiacciato dalle lastre di marmo nella segheria in cui lavorava, la Coseluc a Massa. Nessun rito religioso, ma solo un addio collettivo e laico, così ha voluto la famiglia, ma molto partecipato. Erano almeno in cinquecento a dargli l’ultimo saluto.

C’erano i parenti, gli amici, i colleghi. Ma anche tantissimi cavatori e operai del piano che Carlo non lo conoscevano ma non se la sentivano di non essere presenti. «Doveva essere in pensione ed eccola la sua pensione: una bara», è il commento amaro di Valter Giorgieri, operaio della segheria Campolonghi a Montignoso. «Non è possibile continuare così – aggiunge – venti giorni fa ero al funerale di Federico e Roberto . Adesso a quello di Carlo».

All’uscita del feretro dell’obitorio è scoppiato un applauso. Poi è partito il corteo funebre, con in testa le istituzioni: il presidente della Provincia, Narciso Buffoni,il vicesindaco di Massa, Uilian Berti, e quello di Carrara, Fiorella Fambrini. E dietro, chiusi nel loro dolore, la moglie, la figlia e il nipote con la sua tuta della Carrarese. Il feretro è stato trasportato al cimitero di Turigliano, a Carrara, comune in cui lui viveva.

 

ore: 19:58 | 

comments powered by Disqus