ore:  14:17 | allerta codice GIALLO per rischio idrogeologico idraulico del reticolo minore attualmente in corso, fino alle ore 23.59 di Mercoledì 06 Gennaio 2021

ore:  13:46 | Codice giallo per neve e rischio idrogeologico su quasi tutta la regione

ore:  12:48 | Emesso aggiornamento allerta codice Giallo per rischio idrogeologico idraulico del reticolo minore attualmente in corso, fino alle ore 23,59 di Martedi 05.01.2021

ore:  16:10 | Allerta meteo ‘gialla’ prorogata per tutto domani, lunedì 4 gennaio

ore:  13:13 | Emessa aggiornamento allerta codice GIALLO per rischio idrogeologico idraulico del reticolo minore attualmente in corso, fino alle ore 23,59 di Domenica 03.01.2021

mercoledì, 4 maggio, 2016

http://www.antenna3.tv/2016/05/04/crisi-massa-carrara-bugliani-pd-non-ce-piu-tempo-da-perdere-necessario-e-urgente-il-riconoscimento-del-mise-per-la-stipula-dellaccordo-di-programma/

Mediavideo Antenna3

Crisi, Massa Carrara, Bugliani (Pd): “Non c’è più tempo da perdere; necessario e urgente il riconoscimento del Mise per la stipula dell’Accordo di Programma”

di  Redazione web

Attivarsi nei confronti del Mise per il riconoscimento di Massa Carrara come “area di crisi complessa”, quale azione propedeutica per garantire risorse e interventi a carattere nazionale e per procedere rapidamente alla stipula di un Accordo di Programma tra Governo, Regione, Enti locali e Autorità portuale di Marina di Carrara, nonché proseguire con specifiche azioni di sostegno a livello regionale. Sono gli impegni che Giacomo Bugliani, consigliere regionale Pd, sollecita alla Giunta con la mozione “In merito al riconoscimento nazionale di area di crisi complessa ed all’Accordo di programma di reindustrializzazione dell’area di Massa Carrara”.

“L’area di Massa Carrara è già stata riconosciuta dalla Regione Toscana come area di crisi, così come quelle di Livorno e Piombino, atto che ha consentito di mettere a punto forme di sostegno ad hoc, interventi a supporto dei lavoratori, misure sulla formazione continua nonché di favorire protocolli localizzativi; soltanto nel 2016 dalla Regione sono arrivati 1 milione e mezzo di incentivi alla formazione continua per le tre aree, di cui mezzo milione solo per Massa. – spiega Bugliani – Nel 2011 c’è stato un primo riconoscimento da parte del Mise come ‘area di crisi complessa con impatto significativo sulla politica industriale nazionale’. A maggio 2015 è stato stipulato un Protocollo d’Intesa finalizzato a ‘Interventi per la riqualificazione e la riconversione dell’area industriale di Massa Carrara’, tra Governo, Regione e tutte le istituzioni coinvolte. All’inizio di quest’anno gli amministratori locali hanno inviato un appello a Regione e Governo per procedere alla conferma del riconoscimento di Massa come area di crisi complessa e successivamente alla stipula dell’Accordo di programma; la Giunta regionale ha portato avanti un tavolo di confronto tecnico con tutti i soggetti coinvolti per definire le priorità e il presidente Rossi ha sollecitato nuovamente i ministri competenti per questo atto formale fondamentale. Ad oggi non si è ancora raggiunto questo obiettivo nonostante il nostro territorio, oltre alla prosecuzione delle politiche regionali di sostegno, abbia assolutamente bisogno di ulteriori interventi di carattere nazionale, volti a potenziare le infrastrutture, supportare le imprese esistenti, realizzare nuove unità produttive, mitigare la sua fragilità idrogeologica”.

 

“La conferma dello status di area di crisi complessa di rilevanza nazionale permetterebbe di mettere in campo quelle azioni decisive  e non più rimandabili per un territorio, come il nostro, dove la crisi si è fatta sentire in maniera drammatica e dove è assolutamente necessaria una spinta forte per la crescita economica.  – conclude Bugliani – La Regione quindi, se sicuramente deve proseguire col mettere in campo forme adeguate di sostegno, deve continuare a fare pressione sul Mise perché si compia questo passo decisivo e si arrivi così in tempi celeri alla stipula dell’Accordo di programma tra tutti gli enti coinvolti, finalizzato a promuovere azioni di riqualificazione ambientale, reindustrializzazione, potenziamento infrastrutturale, politiche attive del lavoro e misure concrete contro la disoccupazione. Solo così possiamo accelerare  il percorso per uscire dalla crisi e favorire la ripresa occupazionale e economica, nonché il recupero ambientale delle aree di maggiore fragilità nella provincia di Massa Carrara”.

ore: 19:06 | 

comments powered by Disqus