ore:  14:01 | Ghiaccio, codice arancione per lunedì 15 febbraio su quasi tutta la Toscana

ore:  11:28 | Emessa allerta codice Giallo per Rischio Ghiaccio, dalle ore 20:00, di Sabato 13 Febbraio 2021, fino alle ore 12:00 e dalle ore 18:00 fino alle ore 23:59 di Domenica 14 Febbraio 2021

ore:  12:12 | allerta Gialla per Rischio Idrogeologico reticolo minore dalle ore 17:00 di Sabato 30 Gennaio, fino alle ore 02:00, di Domenica 31 Gennaio 2021;

ore:  12:38 | allerta Arancione per Ghiaccio dalle ore 18:00 di Lunedì 25 Gennaio 2021, fino alle ore 12:00, di Martedì 26 Gennaio 2021

ore:  12:48 | allerta Arancione per Mareggiate attualmente in corso fino alle ore 23:59 di Sabato 23 Gennaio 2021;Allerta gialla per rischio Idrogeologico reticolo minore, mareggiate e vento fino alle ore alle 23:59 Di Domenica 24 Gennaio 2021.

sabato, 16 aprile, 2016

http://www.antenna3.tv/2016/04/16/sarroch-pol-pallavolo-massa-3-1/

Mediavideo Antenna3

SARROCH POL – PALLAVOLO MASSA 3-1

di  Redazione web

Pallavolo Massa: Masini, Ragosa, Nannini, Riviera, Bernieri, Cannistrà, Sarpong, Briglia, Agostini, Colombini, Grassini. Allenatori: Andrea Masini e Sandro La Ferla

Sarroch Pol.: Muccione, Caracciolo, De Santis, Romoli, Andriyets, Derosas, Sideri, Gregori, Peluso, Grugnetti, Pisu, Pau, Stara. All.: Sarno.

Arbitri: Davide Locci e Massimiliano Mutzu Martis

Parziali: 26-24; 18-25; 25-18; 25-22.

Massa a corrente alternata, Sarroch fa festa. L’ultima trasferta in Sardegna della stagione segna con tutta probabilità l’addio della squadra di Masini al sogno play off. Massa perde 3-1 e, tranne risultati clamorosi nelle altre gare della giornata, rimette nel cassetto le speranze di accedere alla posta season. Non mancano voglia o determinazione, semplicemente in questo momento di campionato la squadra di Masini non riesce a dare di più. Poco brillante, quasi svuotata di energie mentali e fisiche la Pallavolo Massa chiude con difficoltà una stagione comunque bellissima. Niente drammi, è stato comunque bello sognare e questo campionato, lo ricordiamo da neopromossa in categoria, ha certo consentito alla società di gettare le basi per le prossime stagioni.

1° set: Massa con Masini e Cannistrà in diagonale, Nannini e Riviera al centro, Colombini e Sarpong in attacco e Grassini libero. Inizio negativo di Massa a cui non riusciva niente. Formazione di casa che batteva bene e sbagliava poco e questo era sufficiente per salire sull’8-3 e poi strappare ulteriormente sul 16-8. Massa iniziava a carburare dopo il secondo tempo obbligatorio. Niente di trascendentale ma intanto il gap si riduceva (18-13). Un segnale di riscossa a cui seguiva un break ancora più importante della squadra di Masini che impattava sul 22-22. Incredibilmente si finiva allo sprint. Massa buttava via la possibilità di sorpassare su una ricostruzione non complessa sul 23-23. Dentro Agostini per Sarpong. Sarroch chiudeva a 24.

2° set: nel secondo Massa iniziava dalla seconda parte del set precedente e strappava sul 5-8 e sul 7-11. Era di nuovo in campo Sarpong. Al secondo tempo obbligatorio ospiti avanti di quattro (12-16). Dopo la pausa strappo ulteriore sul 12-18. Reazione dei ragazzi di casa (16-19) che non mutava il finale di set.

3°: nel terzo ancora Massa a partire meglio (3-4) ma al primo tempo tecnico arrivavano per primi i padroni di casa (8-5). Massa che ricadeva nelle incertezze e difficoltà del primo set. Batteva male ed attaccava con basse percentuali la squadra di Masini. Sarroch avanti 11-18 e poi a strappare sul 17-11. Intanto dentro Ragosa e Agostini. Massa però non recuperava più e la formazione sarda chiudeva a 18.

4°: nel quarto bene Massa che saliva sul 5-7. Al tempo tecnico, però, la squadra di Masini aveva solo un punto di vantaggio (7-8) e dopo la pausa Sarroch la scavalcava e con muro su Sarpong si portava sul più due (10-8). Al secondo tempo tecnico sardi avanti 16-13 e poi a tentare la fuga importante (17-13). Massa reagiva con Agostini e Nannini (17-15). Era l’ultimo tentativo toscano di riaprire la sfida che Sarroch chiudeva a 22.

ore: 18:42 | 

comments powered by Disqus