ore:  11:45 | Maltempo, codice giallo per temporali e rischio idrogeologico per tutta la regione

ore:  10:55 | allerta codice giallo per rischio idrogeologico idraulico reticolo minore e temporali forti dalle ore 22.00 di Giovedì 15 Ottobre alle ore 10.00 di Venerdì 16 Ottobre 2020

ore:  12:40 | allerta codice giallo per rischio idrogeologico idraulico reticolo minore dalle ore 18.00 di Mercoledì 14 Ottobre alle ore 13.00 di Giovedì 15 Ottobre 2020

ore:  14:14 | Esteso a domani allerta meteo di codice ‘giallo’. Attesi anche forti venti nell’area fiorentina

ore:  13:40 | allerta colore giallo per rischio idrogeologicoidraulico- temporali forti -mareggiate e vento a partire dalle ore 20.00 Martedì, 06 Ottobre alle ore 12.00 Mercoledì, 07 Ottobre 2020

mercoledì, 13 aprile, 2016

http://www.antenna3.tv/2016/04/13/adriano-petacchi-nuovo-presidente-del-gruppo-frantoiani-di-confartigianato/

Mediavideo Antenna3

Adriano Petacchi nuovo presidente del Gruppo “Frantoiani” di Confartigianato

di  Redazione web

Adriano Petacchi  è il nuovo presidente del Gruppo “Frantoiani” della Confartigianato Imprese di Massa-Carrara. L’elezione è avvenuta nell’assemblea tenutasi presso la sede provinciale dell’Associazione.

Adriano Petacchi, giovane imprenditore titolare del frantoio “ Moro” di Fosdinovo rappresnta un nutrito gruppo di imprenditori del settore della olivicoltura e della produzione di olio di qualità.

Gli obiettivi del gruppo Frantoiani Confartigianato sono chiari: promuovere a tutti i livelli il prodotto locale, recuperare all’olivicoltura i terreni abbandonati, creare una sinergia tra produttori per aumentarne la professionalità. Fondamentale inoltre  avvicinare i giovani a una attività non facile ma che può dare risultati in termini economici e di occupazione.

Altro aspetto rimarcato dal presidente nella relazione di programma: avviare un progetto di informazione diffuso per garantire servizi qualificati e fornire risposte certe e in tempo reale alle esigenze dei frantoiani.

ore: 19:50 | 

comments powered by Disqus