ore:  10:55 | allerta codice giallo per rischio idrogeologico idraulico reticolo minore e temporali forti dalle ore 22.00 di Giovedì 15 Ottobre alle ore 10.00 di Venerdì 16 Ottobre 2020

ore:  12:40 | allerta codice giallo per rischio idrogeologico idraulico reticolo minore dalle ore 18.00 di Mercoledì 14 Ottobre alle ore 13.00 di Giovedì 15 Ottobre 2020

ore:  14:14 | Esteso a domani allerta meteo di codice ‘giallo’. Attesi anche forti venti nell’area fiorentina

ore:  13:40 | allerta colore giallo per rischio idrogeologicoidraulico- temporali forti -mareggiate e vento a partire dalle ore 20.00 Martedì, 06 Ottobre alle ore 12.00 Mercoledì, 07 Ottobre 2020

ore:  14:05 | ALLERTA ARANCIONE DALLE 18 D OGGI ALLE 6 DI DOMATTINA LUNEDI 5 OTTOBRE

martedì, 12 aprile, 2016

http://www.antenna3.tv/2016/04/12/massa-carrara-e-montignoso-comune-unico-e-la-risposta-alla-crisi/

Mediavideo Antenna3

MASSA CARRARA E MONTIGNOSO : comune unico è la risposta alla crisi!

di  Redazione web

In un momento certamente non facile per le comunità locali considerato la cancellazione della provincia, e le conseguenti situazioni scaturite, i tagli drastici da parte dello stato verso i comuni la cancellazione o meglio l’accorpamento delle camere di commercio, dell’autorità portuale e di altri enti rendono sempre più fragili i comuni che spesso non hanno adeguate strategie proprio dovute a situazioni derivanti da un individualismo politico , certamente non confacente a dare concrete risposte agli scenari sopra descritti e ad altri che si prospettano nei prossimi anni, le realtà comunali di Massa, Carrara, e Montignoso vivono questo stato di cose senza fornire ad oggi risposte univoche e questa situazione di crisi e divisione le rende ancora più fragili.

I tre comuni spesso viaggiano in ordine sparso e senza fornire una risposta univoca alle problematiche presenti.

Il futuro di quello che era l’area della zona industriale, il ruolo del consorzio zona, la scarsa attenzione a politiche turistiche: qualità delle acque, erosione, porticciolo, ruolo del porto di Marina di Carrara, il marmo, mancata lavorazione al piano, dissesto idrogeologico…

Crediamo che di fronte a questi scenari bisognerebbe andare se pur gradualmente ad un operazione di sintesi e ad una condivisione degli obiettivi per avere in primis un peso specifico politico maggiore sia a livello regionale sia a livello nazionale.

Fino ad oggi quando gli amministratori dei tre comuni di costa dovevano fare fronte a varie problematiche spesso andavano ed aimè ancora vanno in ordine sparso a dire forse cose e a prospettare situazioni una diversa dall’ altra e spesso in contraddizione, questo perché a prescindere dalla qualità dei Sindaci dovevano e devono e dovranno rispondere alle esigenze locali strettamente comunali senza una logica di area vasta di costa mettendo a nudo di fatto una debolezza infinita in quanto non vi è unità di intenti ma sopratutto divisione.

Un esempio su tutti il Noa nato in un area a nostro parere particolare e forse non idonea alla costruzione di un ospedale a 6 mesi dall’apertura si parla di una parziale riapertura dell’ospedale di Carrara dove già operano alcuni reparti non trasferiti.

La logica avrebbe voluto di chiudere completamente tutto ed accentrare in un unico luogo i servizi ospedalieri ma questo sembra non oggetto di scelte che si stanno andando a compiere.

Occorrono quindi situazioni di sintesi maggiori che l’attuale assetto politico istituzionale non consente

Non crediamo per campanilismo od altro ma proprio per la mancanza di una visione superpartes dei vari problemi presenti.

Crediamo sia giunto il momento di compiere un salto di qualità e sopratutto un espressione d’intelligenza nuova rispetto allo stato attuale delle cose: la possibilità di cominciare a predisporre un processo di unificazione dei tre comuni con un unica testa pensante e con assetti istituzionali tali da prevedere sia le espressioni delle singole località sia e sopratutto una sintesi verso le problematiche e verso gli interlocutori regionali e nazionali.

La creazioni di un Comune unico vorrebbe dire una popolazione di oltre 150 mila abitanti.

Di fatto il terzo comune della Toscana dopo Firenze e Prato, quindi un peso specifico politico in un territorio morfologicamente ed economicamente simile.

Le risposte regionali sarebbero senz’altro differenti e certamente alcune politiche di sviluppo perpetrate e promesse negli anni ed anche ultimamente leggi area di crisi complessa forse con un comune unico avrebbero avuto altre risposte dal governatore della regione Toscana,

Su questi argomenti auspichiamo una riflessione comune ed un dibattito a 360 gradi aperto a tutti vecchi e nuovi della politica per capire se, la proposta ha comunque un senso e può essere la chiave di volta per una possibile visione nuova e di prospettiva migliore per l’area di costa.

Un comune unico quello di Apuania, con il proprio Sindaco il proprio assetto istituzionale la propria assemblea e tre Municipi Massa, Carrara e Montignoso dovrebbero fornire un risposta forse l’unica possibile per fare ripartire un territorio Unico e complesso che partendo dalle cave arriva al confine con la Versilia,

PRESIDENTE  ASSOCIAZIONE  CONFIMPRESE  MASSA CARRARA E  VERSILIA

CLAUDIO LOTTO

ore: 18:47 | 

comments powered by Disqus