ore:  14:01 | Ghiaccio, codice arancione per lunedì 15 febbraio su quasi tutta la Toscana

ore:  11:28 | Emessa allerta codice Giallo per Rischio Ghiaccio, dalle ore 20:00, di Sabato 13 Febbraio 2021, fino alle ore 12:00 e dalle ore 18:00 fino alle ore 23:59 di Domenica 14 Febbraio 2021

ore:  12:12 | allerta Gialla per Rischio Idrogeologico reticolo minore dalle ore 17:00 di Sabato 30 Gennaio, fino alle ore 02:00, di Domenica 31 Gennaio 2021;

ore:  12:38 | allerta Arancione per Ghiaccio dalle ore 18:00 di Lunedì 25 Gennaio 2021, fino alle ore 12:00, di Martedì 26 Gennaio 2021

ore:  12:48 | allerta Arancione per Mareggiate attualmente in corso fino alle ore 23:59 di Sabato 23 Gennaio 2021;Allerta gialla per rischio Idrogeologico reticolo minore, mareggiate e vento fino alle ore alle 23:59 Di Domenica 24 Gennaio 2021.

venerdì, 8 aprile, 2016

http://www.antenna3.tv/2016/04/08/cittadini-e-imprese-protestano-nuove-proteste-per-i-ritardi-nellappalto-per-la-ricostruzione-della-sponda-di-via-argine-destro/

Mediavideo Antenna3

CITTADINI E IMPRESE PROTESTANO PER I RITARDI NELL’APPALTO PER LA RICOSTRUZIONE DELLA SPONDA DI VIA ARGINE DESTRO

di  Redazione web

A un anno e mezzo dal crollo della sponda di via Argine Destro, i lavori di ricostruzione non solo non sono ancora partiti ma non sono nemmeno stati appaltati. Un ritardo che, sommato a un’infinita serie di promesse e scadenze disattese, provoca rabbia e proteste in chi, in quella zona, vive e lavora. E così, dopo che è stato disatteso anche l’ultimo annuncio con cui l’assessore regionale Federica Fratoni aveva dato per certo l’avvio del cantiere subito dopo Pasqua, i residenti della “zona rossa” sono di nuovo sul piede di guerra: «La ricostruzione dell’argine doveva essere la priorità e invece non è stato spostato ancora nemmeno un sasso» dicono i marinelli, annunciando di essere pronti a sfilare sotto la sede dell’amministrazione regionale pur di smuovere la situazione. Da Firenze confermano che le procedure di affidamento dell’opera sono ormai ultimate e ormai si deve attendere solo il nulla osta della Protezione civile nazionale che, garantiscono, dovrebbe arrivare davvero a stretto giro. «Il risultato è che non sappiamo ancora chi costruirà il nuovo argine, quando inizieranno i lavori e tanto meno quando finiranno» protesta Maurizio Fontanili, uno degli imprenditori del polo del lapideo che sorge proprio in via Argine Destro. Oltre ai timori per la tenuta dell’argine provvisorio, queste attività soffrono anche i disagi del riassetto obbligato della viabilità. «Sono dei cialtroni, dopo un anno e mezzo non si possono sentire ancora tutte queste balle» attacca senza mezzi termini Fontanili che poi, puntando il dito contro piazza Due Giugno dichiara: «Invece di fare gemellaggi inutili in Cina, il sindaco Zubbani dovrebbe venire qui e gemellarsi con via Argine destro. Così farebbe qualcosa di utile per questa città».

ore: 19:03 | 

comments powered by Disqus