ore:  10:55 | allerta codice giallo per rischio idrogeologico idraulico reticolo minore e temporali forti dalle ore 22.00 di Giovedì 15 Ottobre alle ore 10.00 di Venerdì 16 Ottobre 2020

ore:  12:40 | allerta codice giallo per rischio idrogeologico idraulico reticolo minore dalle ore 18.00 di Mercoledì 14 Ottobre alle ore 13.00 di Giovedì 15 Ottobre 2020

ore:  14:14 | Esteso a domani allerta meteo di codice ‘giallo’. Attesi anche forti venti nell’area fiorentina

ore:  13:40 | allerta colore giallo per rischio idrogeologicoidraulico- temporali forti -mareggiate e vento a partire dalle ore 20.00 Martedì, 06 Ottobre alle ore 12.00 Mercoledì, 07 Ottobre 2020

ore:  14:05 | ALLERTA ARANCIONE DALLE 18 D OGGI ALLE 6 DI DOMATTINA LUNEDI 5 OTTOBRE

lunedì, 4 aprile, 2016

http://www.antenna3.tv/2016/04/04/il-23-aprile-dal-porto-di-marina-di-carrara-salpera-la-prima-nave-del-gruppo-grendi/

Mediavideo Antenna3

IL 23 APRILE DAL PORTO DI MARINA DI CARRARA SALPERA’ LA PRIMA NAVE DEL GRUPPO GRENDI.

di  Redazione web

L’era dell’operatore unico al Porto di Marina di Carrara terminerà ufficialmente sabato 23 aprile con la partenza della prima nave Grendi dallo scalo apuano. Lo hanno annunciato oggi Costanza e Antonio Musso, i due amministratori delegati della società genovese, che in giornata hanno incontrato i vertici delle amministrazioni locali e il mondo produttivo della provincia. Dal 1 aprile è in vigore la concessione ventennale all’utilizzo delle aree demaniali assegnata dall’Autorità Portuale e tra una ventina di giorni inizieranno le attività vere e proprie. Su Marina di Carrara verrà dirottata la storica linea tra Cagliari e Vado Ligure, attiva da 40 anni, che trasporta elettrodomestici e generi alimentari dalla terraferma all’isola e sale e gesso sfuso nella direttrice inversa. Il tutto rigorosamente in container  che arriveranno e lasceranno lo scalo apuano con un traffico su gomma da 100-120 camion al giorno, per 5 giorni la settimana, in transito dal casello di Massa fuori dagli orari di punta, quindi la notte o la mattina presto. Nel suo piano industriale da 8 milioni di eruo, Grendi ha previsto uno stanziamento da 450 mila euro all’anno  per 3 anni in contributi alle infrastrutture, stradali e ferroviarie, e l’assunzione nell’immediato di 10 dipendenti : 1 responsabile, 1 impiegato e 8 operatori con esperienza nella movimentazione merci. Le candidature già arrivate sono una trentina, ma i colloqui sono ancora in corso.

Quando alla scelta di Marina di Carrara come nuovo scalo delle linee Grendi, i due amministratori delegati hanno spiegato che essa è stata dettata da tre fattori: strategie di mercato, la disponibilità di spazi dopo l’addio di Nieddu e la collaborazione del presidente dell’Autorità Portuale Francesco Messineo. Il tutto con la “benedizione” dello storico monopolista dello scalo apuano, Enrico Bogazzi. Insomma l’approdo del gruppo Grendi a Marina di Carrara sembra davvero uno di quelli sicuri.

ore: 19:28 | 

comments powered by Disqus