ore:  10:55 | allerta codice giallo per rischio idrogeologico idraulico reticolo minore e temporali forti dalle ore 22.00 di Giovedì 15 Ottobre alle ore 10.00 di Venerdì 16 Ottobre 2020

ore:  12:40 | allerta codice giallo per rischio idrogeologico idraulico reticolo minore dalle ore 18.00 di Mercoledì 14 Ottobre alle ore 13.00 di Giovedì 15 Ottobre 2020

ore:  14:14 | Esteso a domani allerta meteo di codice ‘giallo’. Attesi anche forti venti nell’area fiorentina

ore:  13:40 | allerta colore giallo per rischio idrogeologicoidraulico- temporali forti -mareggiate e vento a partire dalle ore 20.00 Martedì, 06 Ottobre alle ore 12.00 Mercoledì, 07 Ottobre 2020

ore:  14:05 | ALLERTA ARANCIONE DALLE 18 D OGGI ALLE 6 DI DOMATTINA LUNEDI 5 OTTOBRE

venerdì, 1 aprile, 2016

http://www.antenna3.tv/2016/04/01/prima-riunione-per-il-comitato-di-turigliano-impegnato-nella-battaglia-contro-il-costruendo-forno-crematorio-nellarea-cimiteriale-del-marasio-i-residenti-della-zona-si-erano-dati-appuntamen/

Mediavideo Antenna3

PRIMA RIUNIONE PER IL COMITATO DI TURIGLIANO, IMPEGNATO NELLA BATTAGLIA CONTRO IL COSTRUENDO FORNO CREMATORIO I RESIDENTI DELLA ZONA SONO STATI BLOCCATI DALLE FORZE DELL’ORDINE IN MANCANZA DI UNA RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE

di  Redazione web

Niente assemblea sul cantiere del costruendo forno crematorio. Le forze dell’ordine hanno negato al comitato di Turigliano di riunirsi all’interno dell’area cimiteriale dove è in fase di costruzione l’impianto progettato da Amia e Apuafarma. Questo non ha impedito però al comitato di discutere: ospitati nel giardino di una villa poco distante, i cittadini hanno ribadito le proprie preoccupazioni per l’impatto ambientale della struttura. Le domande e i dubbi che hanno sollevato ieri sera i risedenti sono sempre le stesse: quali garanzie ci sono sulle emissioni e sulla manutenzione a lungo termine dell’impianto? Perché non scegliere un’area più decentrata, come ad esempio la zona industriale? Quanto sarà grande la struttura e soprattutto si aprirà il servizio anche a richieste provenienti da fuori provincia? E’ un servizio che serve davvero o è utile solo a pareggiare i conti di Apuafarma? In mezzo a tanti quesiti non è mancato chi, con una buona dose di verve polemica,  ha fatto notare che «in una città che muore come Carrara il forno crematorio è davvero la ciliegina sulla torta». Gli animi al Marasio restano caldi, come conferma l’alta adesione alla riunione, a cui hanno partecipato almeno una cinquantina di persone: anche per questo il comitato ha deciso di individuare una delegazione, che porti avanti il percorso di protesta e la raccolta firme che tornerà a incontrarsi la prossima settimana. La volontà è quella di estendere la battaglia a tutto il territorio perché, dicono i residenti, «i fumi del forno crematorio non si fermeranno certo al Marasio». Intanto però dalle forze politiche locali arriva un sì compatto al forno crematorio: sia il socialista Leonardo Buselli Psi, sia Claudia Bienaimè, consigliera di Carrara Bene Comune ed esponente dell’opposizione solitamente molto dura verso il municipio, si sono detti favorevoli al progetto.

 

ore: 18:32 | 

comments powered by Disqus