ore:  10:55 | allerta codice giallo per rischio idrogeologico idraulico reticolo minore e temporali forti dalle ore 22.00 di Giovedì 15 Ottobre alle ore 10.00 di Venerdì 16 Ottobre 2020

ore:  12:40 | allerta codice giallo per rischio idrogeologico idraulico reticolo minore dalle ore 18.00 di Mercoledì 14 Ottobre alle ore 13.00 di Giovedì 15 Ottobre 2020

ore:  14:14 | Esteso a domani allerta meteo di codice ‘giallo’. Attesi anche forti venti nell’area fiorentina

ore:  13:40 | allerta colore giallo per rischio idrogeologicoidraulico- temporali forti -mareggiate e vento a partire dalle ore 20.00 Martedì, 06 Ottobre alle ore 12.00 Mercoledì, 07 Ottobre 2020

ore:  14:05 | ALLERTA ARANCIONE DALLE 18 D OGGI ALLE 6 DI DOMATTINA LUNEDI 5 OTTOBRE

venerdì, 1 aprile, 2016

http://www.antenna3.tv/2016/04/01/i-residenti-di-via-gino-menconi-tornano-a-protestare-per-il-doppio-senso-nella-loro-strada/

Mediavideo Antenna3

I RESIDENTI DI VIA GINO MENCONI TORNANO A PROTESTARE PER IL DOPPIO SENSO NELLA LORO STRADA.

di  Redazione web

La loro protesta va avanti da anni, con tanto di esposti e denunce a mezzo stampa perché per loro quei 150 metri di doppio senso in via Gino Menconi rappresentano un pericolo. I residenti di Avenza ri-scendono sul piede di guerra e tornano a chiedere una soluzione più sicura per la strada in cui abitano e transitano ogni giorno. Il problema è vecchio di anni: via Gino Menconi ha una strozzatura dove vige quello che gli avenzini chiamano un “inspiegabile” doppio senso. Le auto faticano a passare, i marciapiedi sono “risicati” e i provvedimenti tampone – vedi installazione di protezioni per i pedoni – introdotti qualche tempo fa sono solo dei palliativi.

E così quando nei giorni scorsi sono iniziati i  lavori di sistemazione dei marciapiedi, molti hanno pensato che fosse arrivato finalmente il momento della svolta: «La legge prevede che contestualmente agli interventi di manutenzione, i marciapiedi non a norma debbano essere adeguati» racconta Alessandro Morescalchi, uno dei residenti della zona. E in effetti i marciapiedi di via Menconi sono particolarmente stretti e angusti: adeguarli significherebbe restringere la carreggiata e dunque rendere fisicamente impossibile il passaggio di due auto che viaggiano in direzione opposta.

«Avevamo sperato che allargassero il marciapiedi e risolvessero il problema del doppio senso…e invece niente: un cantiere da oltre 30 mila euro per chiudere un paio di buchi con una semplice asfaltata» ha commentato Morescalchi. Quello che chiedono gli abitanti è di introdurre il senso unico o un doppio senso alternato regolato da un semaforo. Di qui la decisione di presentare un esposto, l’ennesimo, al municipio per segnalare quelle che i residenti di via Gino Menconi ritengono le tante irregolarità di questa lunga vicenda.

ore: 18:23 | 

comments powered by Disqus