ore:  14:17 | allerta codice GIALLO per rischio idrogeologico idraulico del reticolo minore attualmente in corso, fino alle ore 23.59 di Mercoledì 06 Gennaio 2021

ore:  13:46 | Codice giallo per neve e rischio idrogeologico su quasi tutta la regione

ore:  12:48 | Emesso aggiornamento allerta codice Giallo per rischio idrogeologico idraulico del reticolo minore attualmente in corso, fino alle ore 23,59 di Martedi 05.01.2021

ore:  16:10 | Allerta meteo ‘gialla’ prorogata per tutto domani, lunedì 4 gennaio

ore:  13:13 | Emessa aggiornamento allerta codice GIALLO per rischio idrogeologico idraulico del reticolo minore attualmente in corso, fino alle ore 23,59 di Domenica 03.01.2021

sabato, 5 marzo, 2016

http://www.antenna3.tv/2016/03/05/patto-italia-franciaceduto-mare-toscana-regione-mai-messa-a-conoscenza-chiesto-incontro-con-ministro/

Mediavideo Antenna3

Patto Italia-Francia,ceduto mare Toscana Regione mai messa a conoscenza, chiesto incontro con ministro

di  Redazione web

Nell’accordo Italia-Francia sulle acque territoriali “sono state cedute porzioni di superficie marina” che riguardano anche la Toscana. Lo ha detto l’assessore all’agricoltura Marco Remaschi, rispondendo in Consiglio regionale ad un’interrogazione di Claudio Borghi (Lega Nord) sull’accordo Italia-Francia per la cessione alla Francia, da parte del Governo, di acque territoriali italiane, a largo delle isole dell’arcipelago toscano. L’accordo, ha spiegato Remaschi, “è stato stipulato il 21 marzo 2015 ed è di totale competenza statale. Il governo italiano non ha ancora ratificato questo accordo che per le nostre marinerie può essere un problema, specialmente quelle dell’Elba e di Viareggio”. Per questo, ha detto, “abbiamo chiesto un incontro urgente con il ministro Gentiloni per approfondire i contenuti di questa intesa della quale non eravamo a conoscenza, é siamo stati coinvolti”. Per la Toscana, con l’accordo “sono state cedute porzioni per 339,9 kmq e acquisite per 23,85 con una diminuzione di 316,05 kmq”.

ore: 21:01 | 

comments powered by Disqus