ore:  11:45 | Maltempo, codice giallo per temporali e rischio idrogeologico per tutta la regione

ore:  10:55 | allerta codice giallo per rischio idrogeologico idraulico reticolo minore e temporali forti dalle ore 22.00 di Giovedì 15 Ottobre alle ore 10.00 di Venerdì 16 Ottobre 2020

ore:  12:40 | allerta codice giallo per rischio idrogeologico idraulico reticolo minore dalle ore 18.00 di Mercoledì 14 Ottobre alle ore 13.00 di Giovedì 15 Ottobre 2020

ore:  14:14 | Esteso a domani allerta meteo di codice ‘giallo’. Attesi anche forti venti nell’area fiorentina

ore:  13:40 | allerta colore giallo per rischio idrogeologicoidraulico- temporali forti -mareggiate e vento a partire dalle ore 20.00 Martedì, 06 Ottobre alle ore 12.00 Mercoledì, 07 Ottobre 2020

giovedì, 28 gennaio, 2016

http://www.antenna3.tv/2016/01/28/omicidio-taibi-il-popolo-di-facebook-punta-il-dito-contro-il-post-pubblicato-da-uno-dei-due-figli-dellassassino-alla-vigilia-del-delitto/

Mediavideo Antenna3

OMICIDIO TAIBI, IL POPOLO DI FACEBOOK PUNTA IL DITO CONTRO IL POST PUBBLICATO DA UNO DEI DUE FIGLI DELL’ASSASSINO ALLA VIGILIA DEL DELITTO

di  Redazione web

Quel post dal tono minaccioso, pubblicato su Facebook esattamente dodici ore prima del delitto non è passato inosservato ai frequentatori più assidui del social network. Non appena la notizia dell’assassinio del maresciallo Antonio Taibi per mano di Roberto Vignozzi si è diffusa in città, sul web è partito un tam tam di commenti e messaggi ma, evidentemente c’è anche chi – e sono stati in molti – è andato a curiosare nei profili Facebook dei due figli dell’omicida, Riccardo e Alessandro. Per loro ha confessato di aver agito l’ex postino, per quei due ragazzi, sangue del suo sangue, che appena trentenni, avevano già una lunga fedina penale, soprattutto per reati collegati allo spaccio di stupefacenti. Vignozzi ha ammesso di essersi voluto vendicare contro chi, il maresciallo Taibi appunto, aveva contribuito con il suo lavoro e le sue indagini a spedire i due fratelli in carcere. Ieri mattina, dopo aver ascoltato l’assassino, i carabinieri hanno sentito a lungo anche i ragazzi, ai domiciliari dopo la condanna di martedì, quella a che ha fatto scattare la follia omicida dell’anziano padre.

post vignozziE così in città, per strada, sui social, c’è chi scommette che quei due giovani così sbandati non siano del tutto estranei all’accaduto: si tratta è bene precisarlo solo di chiacchiere da bar, ma nell’epoca di Facebook anche un post diventa un indizio, almeno per il popolo del web. Dunque, l’ultimo post che avrebbe scritto di suo pugno alla vigilia dell’omicidio Taibi uno dei due figli dell’assassino non è passato inosservato. Esattamente dodici ore prima che suo padre Roberto si presentasse a casa del maresciallo e gli sparasse,  Alessandro Vignozzi avrebbe pubblicato queste parole: «ora ci facciamo due rise….vediamo chi e il zoppo che li piace zoppicare con l infame…». Una frase sgrammaticata ma dal tono evidentemente minaccioso che, è bene sottolinearlo,  pur non contenendo alcun riferimento diretto a quanto sarebbe accaduto l’indomani, ha destato i sospetti di molti comuni cittadini. Appreso dell’omicidio, diversi frequentatori del social hanno manifestato sconcerto e indignazione per quelle parole così dure pronunciate proprio alla vigila del delitto.

 

ore: 20:20 | 

comments powered by Disqus