ore:  10:55 | allerta codice giallo per rischio idrogeologico idraulico reticolo minore e temporali forti dalle ore 22.00 di Giovedì 15 Ottobre alle ore 10.00 di Venerdì 16 Ottobre 2020

ore:  12:40 | allerta codice giallo per rischio idrogeologico idraulico reticolo minore dalle ore 18.00 di Mercoledì 14 Ottobre alle ore 13.00 di Giovedì 15 Ottobre 2020

ore:  14:14 | Esteso a domani allerta meteo di codice ‘giallo’. Attesi anche forti venti nell’area fiorentina

ore:  13:40 | allerta colore giallo per rischio idrogeologicoidraulico- temporali forti -mareggiate e vento a partire dalle ore 20.00 Martedì, 06 Ottobre alle ore 12.00 Mercoledì, 07 Ottobre 2020

ore:  14:05 | ALLERTA ARANCIONE DALLE 18 D OGGI ALLE 6 DI DOMATTINA LUNEDI 5 OTTOBRE

mercoledì, 27 gennaio, 2016

http://www.antenna3.tv/2016/01/27/carabiniere-ucciso-rossi-tutta-la-toscana-e-in-lutto/

Mediavideo Antenna3

Carabiniere ucciso, Rossi: “Tutta la Toscana è in lutto”

di  Redazione web

“Tutta la Toscana è in lutto per la morte del maresciallo Antonio Taibi”. Si apre così la dichiarazione del presidente della regione Toscana Enrico Rossi, sulla uccisione avvenuta stamani a Carrara del sottoufficiale dell’Arma: “Siamo vicini alla moglie e ai due figli del carabiniere – prosegue Rossi – in questo giorno terribile in cui il loro caro ha pagato il prezzo più alto per il suo servizio rivolto alla collettività”.

“Voglio anche esprimere solidarietà al Comando regionale dell’Arma, colpita al cuore anch’essa da questa tragedia, che ribadisce l’impegno dei carabinieri per la sicurezza di tutti ma anche i rischi purtroppo connessi al loro compito”.

Il presidente ha infine reso noto che la Regione sosterrà la famiglia del carabiniere anche concretamente, utilizzando il fondo di solidarietà riservato alle vittime del lavoro (legge regionale 57 del 2008). “Sarà – ha concluso il presidente – un aiuto concreto ma anche simbolico: il segno della presenza viva e partecipe della comunità regionale a fianco della famiglia di Antonio Taibi”.

ore: 18:18 | 

comments powered by Disqus