ore:  14:17 | allerta codice GIALLO per rischio idrogeologico idraulico del reticolo minore attualmente in corso, fino alle ore 23.59 di Mercoledì 06 Gennaio 2021

ore:  13:46 | Codice giallo per neve e rischio idrogeologico su quasi tutta la regione

ore:  12:48 | Emesso aggiornamento allerta codice Giallo per rischio idrogeologico idraulico del reticolo minore attualmente in corso, fino alle ore 23,59 di Martedi 05.01.2021

ore:  16:10 | Allerta meteo ‘gialla’ prorogata per tutto domani, lunedì 4 gennaio

ore:  13:13 | Emessa aggiornamento allerta codice GIALLO per rischio idrogeologico idraulico del reticolo minore attualmente in corso, fino alle ore 23,59 di Domenica 03.01.2021

martedì, 12 gennaio, 2016

http://www.antenna3.tv/2016/01/12/avenza-proloco-reclama-la-casa-di-riposo-e-stabilito-nel-lascito-crudeli/

Mediavideo Antenna3

AVENZA: PROLOCO “RECLAMA” LA CASA DI RIPOSO. . «E’ STABILITO NEL LASCITO CRUDELI»

di  Redazione web

Originariamente avrebbe dovuto sorgere nei terreni tra via Murlungo e via Provinciale, ma per una serie di vicissitudini a 40 anni dalla sua messa a punto il progetto è ancora chiuso in un cassetto. Quella del “lascito Crudeli” è sicuramente una storia d’altri tempi ma la ProLoco di Avenza ha deciso di rispolverarla per reclamare a gran voce la costruzione nel territorio della frazione di una casa di riposo per anziani. Una richiesta quanto mai attuale in tempi di riforma sanitaria, ospedali unici e conseguente necessità di potenziare i cosiddetti servizi territoriali.

Tutto inizia nel 1978, alla morte del professor Alfonso Crudeli, facoltoso insegnante di storia e filosofia: prima di passare a miglior vita, l’erudito avenzino lascia un testamento che prevede, tra le altre cose, un lascito ai suoi concittadini per la costruzione di una “casa di accoglienza per anziani”. Per questo il professore mette a disposizione i suoi terreni tra via Murlungo e via Provinciale e incarica l’amministrazione dell’Ospedale di eseguire i dettami testamentari: il tempo però passa, e il Comune di Carrara, subentra come garante. L’allora sindaco Alberto Pincione opta per un terreno in via Covetta e fa redigere un progetto, finanziato attraverso la vendita della palazzina tra via Giovan Pietro e via Toniolo che era entrata nel patrimonio comunale proprio grazie al “lascito Crudeli”. Di lì a poco, dopo l’ennesima riforma, l’Azienda Sanitaria Locale eredita di nuovo gli immobili del lascito, i terreni di via Murlungo che avrebbero dovuto accogliere la struttura per anziani vengono messi in vendita e, arrivati quasi ai giorni nostri, il lascito finisce nel dimenticatoio. A rispolverare le volontà di Alfonso Crudeli ci ha pensato la ProLoco di Avenza: «Chiediamo che venga realizzata la casa per anziani» dicono dall’associazione lasciando intendere  che ormai la scelta del sito è secondaria a patto che si tratti ovviamente di Avenza: «Riprendiamo il progetto comunale su via Covetta, o utilizziamo la ex Gil» dicono dalla ProLoco ricordando che nonostante tanti sprechi e ritardi non è ancora troppo tardi per ottemperare alle volontà di un avenzino particolarmente generoso e attento alle esigenze della sua comunità.

ore: 19:48 | 

comments powered by Disqus