ore:  15:12 | Maltempo, codice arancione per temporali, vento e mareggiate dalle 18 di oggi, giovedì, alle 20 di sabato 26 settembre

ore:  14:34 | Coronavirus: TOSCANA – 90 nuovi casi, 1 decesso, 93 guarigioni

ore:  13:02 | allerta colore Giallo per rischio idrogeologico idraulico e temporali forti a partire dalle ore 13.00 Mercoledì, alle ore 23.59 Giovedì, 24 Settembre 2020

ore:  14:57 | Codice giallo per pioggia e temporali fino alla mezzanotte di domani

ore:  13:02 | Maltempo, codice giallo per temporali forti fino alle 20 di oggi

giovedì, 17 dicembre, 2015

http://www.antenna3.tv/2015/12/17/quando-manzoni-si-fermo-a-massa/

Mediavideo Antenna3

Quando Manzoni si fermò a Massa – di Franco Frediani

di  Redazione web

L’8 agosto del 1827, il piantone di servizio al Portone non immaginava certo che a bordo della carrozza appena transitata, sedevano Alessandro Manzoni e sua figlia Giulia. Al corrente ne era invece la polizia estense, il cui capo Andrea Desperati, sorvegliò il poeta dall’arrivo sino alla ripartenza sospettando inesistenti motivi di carattere politico. In verità Manzoni, proveniente dalla Liguria e diretto a Firenze, si trattenne poche ore, giusto il tempo per salutare il caro amico Vescovo Mons. Francesco Maria Zoppi. Poche ore, ma bastevoli per per far scrivere alla figlia che a Massa “non sembrava di essere neppur più in Europa……..”. Da questa breve permanenza , Fabio Cristiani, apprezzato autore e attore dialettale massese, ha tratto spunto per un breve “divertissement” :

” Col dì d’agosto a Massa al vinì giù anch’i boteli, a jer pien com’un o de gente sott’a j ombreli! Da Piazz’Aranci a l’embucò en te la via Alberica, una carozza nera de fattezza antica, i cavali ch’i la tiraene al trotto i sbatteéne i zoccoli ferati en cimo a coi piastron tutti bagnati. “Scanzateve d’en mezzo ch’al passe ‘na diligenzia”, cuscì al dicé ‘na vocia ch’al surtì da ‘na finè, alora svelti com’i gatti tutti coi cristian i se scoston a lato via a scanzo de piricolo e per meghjo addocchjare i passeggeri assettati en vittura coi lori musi fieri. El postiglion en cascetta, zuppo colento, i cuminciò a tirar le brighje per accostarze davanti al porton de un dei palazzetti, per la pricision col dei Cadetti, onde da un par d’anni a javé la residenza el primo Vescovo de Massa, Monsignor Zoppi, so Eminenza! “Benveniu car el mi Lisander!” i disse con vocia franca e stesa, col sant’omo de chjesa, e col’altro puranco i jarespose en milaneso appena ch’i fu sceso. A braccetto i dò amichi i monton le scale, en tra ‘na pacca e ‘na risata, i steéne tanto ben enzemo che cuscì, cari fighjoli, nemmanco i taghjarin coi fasgioli! A l’ospite gradito, el Monsignoro, per farlo arpighjare dale fadighe del viaggio i détte ‘na bela fetta de torta en omaggio. El forastiero doppo d’aerla de pro magnata i disse : “Che bontà questa portata, tal torta di riso col suo sapore ti manda in paradiso!” I presene po’ a descorere dei bei tempi passati en tera de Brianza, anni oramai luntan ma sempre beli d’arcordare a chi come lori i parle col cuore en man! Le ore en lieta cumpagnia al caminon svelte come privieri tant’a l’è ch’a l’arivo, pricisa come d’una cambiala la scadenzia, la fin de cola cara udienza. L’unica consolazion en col momento al vinì dal cielo ch’i s’ere stiarato per metà, la via da fare per Firenze a l’ere anch’a mmo tanta e pur’assà! I dicé che per arsciacquare i cenci en te l’Arno i dové ariare là!! En tel curtilo, primo del commiato, el visitatoro i contò d’un so romanzo de curto stampato e parecchjo appassionato,onde a s’arcontà de dò fanti ennamorati ma en tel loro amoro tanto tribolati!!! El pastoro, non de pecore ma d’anime, a sintir cole parole cuscì cariche de sintimento i salutò el so amico, vinuto con tanta primura a fai visita sott’a la maestà de la Tambura, con questo sincero auspicio : ” Continua nella tua arte letteraria, profumerai, son più che certo tutta Italia d’emozioni, caro il mio Manzoni!!! “.

Quanto riferito da Giulia Manzoni, che convolerà poi a nozze con Massimo D’Azeglio, lo si ricava da una lettera datata 25 agosto 1827, indirizzata al padrino Monsieur Claude Fauriel.

Franco Frediani

ore: 19:15 | 

comments powered by Disqus