ore:  15:12 | Maltempo, codice arancione per temporali, vento e mareggiate dalle 18 di oggi, giovedì, alle 20 di sabato 26 settembre

ore:  14:34 | Coronavirus: TOSCANA – 90 nuovi casi, 1 decesso, 93 guarigioni

ore:  13:02 | allerta colore Giallo per rischio idrogeologico idraulico e temporali forti a partire dalle ore 13.00 Mercoledì, alle ore 23.59 Giovedì, 24 Settembre 2020

ore:  14:57 | Codice giallo per pioggia e temporali fino alla mezzanotte di domani

ore:  13:02 | Maltempo, codice giallo per temporali forti fino alle 20 di oggi

venerdì, 6 novembre, 2015

http://www.antenna3.tv/2015/11/06/tpl-col-bus-95-minuti-da-carrara-al-noa/

Mediavideo Antenna3

TPL: COL BUS, 95 MINUTI DA CARRARA AL NOA

di  Redazione web

 

Una corsa ogni mezz’ora nei giorni feriali che permetterà di coprire in 95 minuti un tragitto di poco più di 10 chilometri: no, non abbiamo rispolverato i tempi di percorrenza di una carrozza dei primi del novecento. I dati di cui parliamo riguardano il servizio del trasporto pubblico locale per collegare Carrara Centro al Nuovo Ospedale delle Apuane. Dopo un acceso dibattito e tante perplessità, alla fine l’amministrazione carrarese sulla base della sua disponibilità economica legata al finanziamento regionale ha deciso: ail collegamento tra il centro città e viale mattei sarà garantito dalla linea 52, quella per intenderci che va da Carrara al litorale. La 52 effettua otto corse ogni ora: due di queste saranno “deviate” verso viale Mattei, con tappa al Don Gnocchi. Per coprire l’intero tragitto, lungo poco più di 10 chilometri, il bus impiegherà, traffico permettendo, un’ora e un quarto e questo perché dopo aver percorso per intero viale XX Settembre, dovrà dirigersi verso viale Mattei attraverso viale Colombo, viale da Verrazzano, via delle Pinete, via degli Unni e via Massa Avenza. Una soluzione da  570 mila euro la più economica ma sicuramente la meno convincente di quelle messe a punto dai tecnici del comune di carrara. A condizionare le scelte, come spesso accade, è stata la disponibilità economica: in un primo tempo la Regione si era impegnata a coprire il 60% dei costi del servizio, poi dopo una lunga trattativa, è salita all’80%. Questa probabilmente resterà la sola vittoria incassata dall’amministrazione in questa partita. Per il resto saranno solo tanti disagi per lavoratori, visitatori e pazienti costretti a tempi di percorrenza a dir poco ottocenteschi.

ore: 11:18 | 

comments powered by Disqus