ore:  12:57 | Vento, codice giallo in Toscana fino a domani 26 febbraio

ore:  13:23 | Codice giallo per ghiaccio e neve fino a martedì 11 gennaio

ore:  16:34 | Allerta meteo, lunedì 10 gennaio codice giallo per neve e vento

ore:  13:45 | AGGIORNAMENTO – allerta Gialla per Rischio idrogeologico idraulico reticolo minore e temporali forti, attualmente in corso fino alle ore 22:00 di Mercoledì 05 Gennaio 2022.

ore:  12:48 | Allerta Gialla per Rischio idrogeologico idraulico reticolo minore e temporali forti, a partire dalle ore 10:00 fino alle ore 18:00 di Mercoledì 05 Gennaio 2022.

venerdì, 23 ottobre, 2015

http://www.antenna3.tv/2015/10/23/la-guardia-di-finanza-torna-in-comune-a-carrara-per-una-nuova-indagine-sui-progetti-piuss-dopo-il-blitz-di-luglio-dedicato-ai-lavori-di-realizzazione-dellinfopoint-di-san-martino-stamani-s/

Mediavideo Antenna3

LA GUARDIA DI FINANZA TORNA IN COMUNE A CARRARA PER UNA NUOVA INDAGINE SUI PROGETTI PIUSS: DOPO IL BLITZ DI LUGLIO DEDICATO AI LAVORI DI REALIZZAZIONE DELL’INFOPOINT DI SAN MARTINO, STAMANI SONO STATI SEQUESTRATI I DOCUMENTI SUL TARNONE

di  Redazione web

Due operazioni di sequestro di documenti, a distanza di tre mesi una dall’altra, per accertamenti sulle procedure di assegnazione e di realizzazione degli appalti: i progetti Piuss in corso nel territorio del Comune di Carrara sembrano non convincere la magistratura. E così ieri mattina, di buon ora, gli uomini delle Fiamme Gialle si sono presentati in Piazza Due Giugno per accertamenti sui faldoni relativi all’intervento di valorizzazione della Cava Romana del Tarnone: si tratta di uno dei quattro Piani integrati di sviluppo urbano sostenibile  finanziati dalla Regione Toscana nella nostra città, il secondo a finire nel mirino della Guardia di Fiananza.

Il primo blitz delle Fiamme Gialle era scattato lo scorso luglio quando gli inquirenti avevano sequestrato la documentazione relativa alla realizzazione del centro di accoglienza turistica a San Martino: proprio a seguito di quell’indagine l’ultima tranche dei finanziamenti regionali, pari a oltre 130 mila euro, è stata bloccata mettendo così a serio rischio il completamento dell’opera che avrebbe dovuto essere consegnata già la scorsa primavera al termine di un intervento da  450 mila euro.

Stamani , a soli tre mesi dal precedente intervento, gli inquirenti hanno chiesto di esaminare le carte relative all’intervento in corso al Tarnone, un altro progetto Piuss che, secondo le indicazioni rilasciate a primavera dall’amministrazione, avrebbe dovuto essere consegnato a giugno di quest’anno. Come accaduto per i progetti di San Martino e della Padula, si era trattato di un appalto a dir poco travagliato , tanto che le procedure di gara per l’assegnazione dei lavori sono state bandite due volte, tra contestazioni e ditte “scomparse” o fallite. L’ultima aggiudicazione, quella definitiva, risale all’agosto del 2013: dopo la risoluzione, qualche mese prima, dei contratti affidati a suo tempo con gara pubblica, i progetti di San Martino e del Tarnone erano stati riassegnati con una procedura negoziata. Era stato cioè il municipio a invitare alla gara un certo numero di aziende che, dopo le verifiche del caso, erano state ritenute “qualificate”. Per il primo lotto del Tarnone, del valore di oltre 800 mila euro l’aveva spuntata un’azienda di Carrara.

Sull’intera vicenda gli inquirenti mantengono il massimo riserbo anche perché le indagini sono ancora nella fase preliminare e dunque non è detto che portino ad individuare reati.

 

ore: 18:55 | 

comments powered by Disqus